08/04/2021

Il gioco del Bingo rimane, ad oggi, uno dei giochi maggiormente diffusi e conosciuti di sempre. Richiamandosi alle regole della Tombola, si evolve nel corso degli anni conquistando una fascia di giocatori sempre più consistente. Scopriamo, allora, come nasce il Bingo, quale è la sua storia ed origine e, insieme, anche le regole per giocare a Bingo al meglio.

Come tutto è nato: 90 anni di storia

Le origini del gioco del Bingo risalgono al lontano 1530, anno in cui fu istituita la prima lotteria della storia. La prima versione però arriva solo nella prima metà del secolo scorso, nel 1929. Siamo a New York e un modesto venditore di giocattoli, Edwin Lowe, diffonde una versione alternativa del gioco. A quel tempo, però, il Bingo era noto con il nome di “bean”. Con questo nome, infatti, si faceva riferimento ai fagioli essiccati utilizzati proprio durante le partite per segnare i numeri estratti nelle diverse cartelle.

La storia del nome però, si presenta ancora più interessante rispetto a quella della nascita. Sembra proprio che il nome con il quale noi oggi lo identifichiamo sia stato creato per errore. Edwin, preso dall’euforia di una partita, pronuncia per errore la parola “bingo” e da lì il nome viene immediatamente sostituito con questo, accantonando il “bean” con il quale fino a quel momento era noto.

Nel corso del 1900 il Bingo, poi, si è evoluto, entrando a far parte di importanti dinamiche di stato: in alcune nazioni è servito per finanziare opere importanti. È questo il caso della Grande Muraglia Cinese, realizzata con gli introiti del gioco locale del Keno, nome con il quale si identificava una variante del Bingo.

Nonostante i suoi 90 anni di vita, il Bingo arriva nel in Italia solamente negli anni ‘90 riscuotendo un indiscusso successo. Nel giro di un poco tempo diventa il protagonista di tantissime sale, prima solamente fisiche, poi successivamente anche online.

Bingo: partite semplici e dinamiche

Dalla sua storia, è chiaro che il gioco del Bingo è apprezzato e noto in diverse parti mondo. La sua diffusione è dovuta anche alla semplicità della partita. Infatti, nel corso di questa, i partecipanti sono coinvolti da pochi e semplici passaggi: la scelta delle cartelle, l’estrazione e la somma dei punti.

La scelta delle cartelle è a piacimento. Queste possono ospitare una combinazione casuale di 15 numeri e ogni giocatore può sceglierne quante ne desidera, tenendo a mente l’obiettivo finale: ottenere le combinazioni vincenti prima degli avversari. Subito dopo si entra nel vivo della partita con l’estrazione: 90 numeri vengono sorteggiati in maniera del tutto casuale, per consentire ai partecipanti di riempire le proprie cartelle. Ciascuno deve cercare di completare un’intera fila per fare “cinquina”, o in alternativa completare la cartella per fare Bingo.
Il Bingo, quindi, si presenta come un gioco dinamico, sorprendente e di lineare comprensione. Per questo, dalla sua nascita e successiva diffusione, è entrato nella tradizione di molti Paesi, riuscendo a coinvolgere un numero sempre più alto di giocatori.