16/04/2018
Mastergoal

Un veterano di Mastergoal ci racconta la sua esperienza di gioco con Mastergoal e come si è piazzato secondo alla Fantarace Serie A.

Ciao a tutti, sono Michele, vivo a Milano e sono un grandissimo fan di Mastergoal a cui gioco con passione dall’estate del 2016, cioè dal primo giorno. In questi due anni, anche se non è mancato qualche passo falso, fortunatamente ho avuto dei discreti risultati, però nessuno così importante come questo secondo posto nella Race di Serie A, ma la cosa più importante è che mi sono divertito davvero tanto. Era ormai qualche anno che avevo perso un po’ di passione nel calcio, nonostante continuassi ovviamente a seguirlo e a giocare ai vari Fantacalcio.

Già il Fantacalcio!
Certo Mastergoal è l’evoluzione che non avrei mai immaginato e di cui non posso più fare a meno. Da quando gioco a Mastergoal e ai Daily Fantasy Sport è tutto diverso, seguire una partita, anche la meno bella o importante è sempre emozionante e davvero non capisco come possa esserci ancora qualcuno che non ci gioca nel “paese con 50 milioni di ct”.

Raccontaci la race Seria A
La Race Serie A era iniziata bene, ma dopo un calo tra la quarta (dovuto ad una scelta così sbagliata che mi vergognerei a dirla e quindi rimarrà il mio triste segreto) e la quinta tappa il mio obiettivo era arrivare in top10 invece mi sono inaspettatamente ripreso alla sesta e settima tappa e ho potuto giocarmi il secondo posto nell’ultima. L’esatto contrario di quanto ho fatto nella Race Quick Pick, dove dopo essere stato primo per lungo tempo purtroppo ho avuto un crollo verticale.
La vera rivalità non è stata con francesko85, uno dei più bravi e costanti giocatori, ma con tutti gli altri validissimi avversari dai quali avevo massimo 2 punti di vantaggio, ecco perchè è stata molto dura e per questo ancora più bello arrivare secondo.

Cosa pensi delle nuove race in generale
 Trovo che queste race (mi piaceva molto anche l’Elite Race settimanale) aggiungano un po’ di pepe e divertimento in più al già bel gioco che è Mastergoal perché ti ritrovi a competere non tanto, o non solo, per i bonus in palio, ma per la “gloria” e la possibilità di “pavoneggiarti”, “braggare” come si dice nei peggiori bar di Caracas, contro i tuoi amici/avversari.

Un saluto?
Vi lascio con l’auspicio che ci sia al più presto una nuova sfida, ma soprattutto con l’invito per chi ancora non gioca a Mastergoal a provare al più presto questo bellissimo gioco sia nella classica modalità standard che nella nuova Quick Pick. E non solo nei tornei garantiti, chiunque mi voglia sfidare in Hu o mettersi alla prova con me e altri avversari nei Winner Takes All e nei 50/50 è il benvenuto, vi aspetto in campo.

Michele R. (SamoanMIki)

In Evidenza