skill
GIOCATORI
ONLINE
0
0
VINTI ULTIMI
30 GIORNI

Tresette

Sai giocare al Tresette? Abilità, strategia e esperienza sono condizioni fondamentale per cogliere di sorpresa i tuoi avversari.

Come si gioca
Strategie
Lo sapevi che

Il Tresette si gioca con un mazzo di 40 carte italiane tradizionali.
Esistono due varianti del gioco: a vincere e a perdere.
Il mazziere viene scelto dal sistema casualmente. Lo scopo è quello di totalizzare il maggior punteggio rispetto all'avversario nella variante a vincere, il minor numero di punti nella versione a perdere.

Le fasi di gioco del Tresette online

Nel tresette online vengono distribuite 10 carte ad ogni giocatore, una alla volta.
Il primo giocatore pone una carta scoperta sul tavolo; tutti gli altri giocatori a turno hanno l'obbligo di giocare una carta dello stesso seme, se non hanno carte di quel seme possono giocare una carta qualsiasi.
Il giocatore che ha giocato la carte più alta del seme di mano, si aggiudica la mano e inizierà la mano successiva.
Ai fini della presa le carte hanno i seguenti valori in ordine decrescente:
3, 2, Asso, Re, Cavallo, fante, 7, 6, 5, 4

La fase conclusiva del Tresette online

Nelle partite di Tressette a smazzate si stabilisce il numero di smazzate da cui è composta una partita e vince chi fa più punti al termine delle smazzate previste. Nelle partite a punti si stabilisce il totale di punti che un giocatore deve raggiungere per aggiudicarsi la partita.
Nella variante a perdere le regole sono le stesse del tresette classico con la differenza che lo scopo è quello di fare meno punti dell'avversario.

Per scoprire tutti i dettagli sul"Tresette online" vai alla pagina Help.

La prima regola fondamentale del Tresette, per il giocatore che inizia la prima mano è giocare il palo (o seme) più forte per evitare di perdere la mano.

Anche nella versione del gioco online e importante prestare molta attenzione alle carte già giocate e memorizzarle per aumentare le possibilità di presa. Il vero vantaggio in questo gioco si acquisisce quando si è in grado di memorizzare le carte.

Anche  lo "scarto", vale a dire le carte cedute dal compagno ha la sua importanza. Di norma le carte scartate indicano che il proprio compagno non vorrebbe che si giocasse al palo che lui ha scartato perché debole.  Ad esempio, se si gioca a bastoni e il mio compagno scarta denari dice in realtà che non ha bastoni, non vuole denari e dunque per esclusione bisogna indirizzare il gioco sugli altri 2 pali (spada e coppe).

Ulteriore affinamento e lo scarto opposto (di "chiamata"): se scarto di seguito due carte dello stesso palo a valore crescente (ad esempio, prima il quattro e poi il sei di coppe), tale giocata non significa che non ho niente a quel palo, bensì che sono li particolarmente forte (ho carte di Tresette: 3 (tre) 2 (due) o Asso.

 L'asso non costituisce, in nessun caso, scarto.

Il Tresette è un gioco di carte tipicamente italiano, probabilmente di origine spagnola o napoletana. Con la Briscola e la Scopa, il Tresette rappresenta uno dei giochi di carte più diffuso nel nostro paese.

Nato come gioco per quattro persone, le sue regole furono codificate in latino maccheronico da Marcello Chitarrella, sacerdote napoletano, forse monaco domenicano, nel 1750. E' delle stessa epoca un poema allegorico del poeta piacentino  Gaetano Biondelli in cui si cita proprio questo gioco "Ludus vulgo dictus Tresette".

Il nome Tresette deriva dal fatto che i 3 (tre) rappresentavano le carte più alte e i 7 Sette le carte più basse (7). Solo successivamente i sette sono diventate carte non a punti sostituite dall'8 (otto – fante).

Promozioni
Premium Club