05/06/2019
Giornata mondiale dell'ambiente

I numeri della Giornata mondiale dell’ambiente

Il 5 giugno si celebra la Giornata mondiale dell’ambiente, un’occasione per riflettere sulle tante problematiche del pianeta, istituita nel 1972 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite in occasione del varo del Programma per l’ambiente, organizzazione internazionale che opera contro i cambiamenti climatici, per la tutela dell’ambiente e l’uso razionale delle risorse.

Un appuntamento che quest’anno assume, se possibile, ancora più rilevanza grazie ai Fridays for future, è il movimento globale agglomeratosi attorno (e grazie) alla giovane attivista svedese Greta Thunberg. Questa bambina, grazie alla sua settimana numero 41 di protesta davanti al Parlamento di Stoccolma, è riuscita a portare finora a 2 scioperi globali per chiedere una giustizia climatica.

Il presente è proiettato al futuro: scopriamo altri numeri legati all’evento e alla data in cui si celebra la giornata Mondiale dell’ambiente, utili da mettere in gioco con le lotterie online.

La Cina è il paese che ospita le celebrazioni della Giornata mondiale dell’ambiente 2019: dopo il focus dell’anno scorso sulla plastica, ci si concentra ora sull’inquinamento atmosferico (#BeatAirPollution lo slogan). I dati, d’altronde, impongono una riflessione e la ricerca di soluzioni: più del 90% della popolazione mondiale, per esempio, non respira aria pulita e l'inquinamento atmosferico costa all’economia globale 5 trilioni di dollari ogni anno a livello di welfare.

I numeri fortunati da giocare a giugno

Si prevede che l’inquinamento da ozono troposferico (quello presente nei bassi strati dell’atmosfera a diretto contatto con la superficie terrestre) determinerà una diminuzione del 26% della resa nelle colture di base dal 2030.

Adottare misure per combattere i cambiamenti climatici e garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo, è uno dei 17 obiettivi e traguardi (SDGs) da raggiungere proprio entro il 2030 secondo l’Agenda Globale per lo Sviluppo Sostenibile approvata nel 2015 dalle Nazioni Unite.

La strada da percorrere è ancora lunga. Dopo alcuni anni di stallo in cui si pensava che potessero essere l’inizio della svolta, la quantità di gas serra prodotti globalmente è nuovamente tornata a crescere nel 2018. Secondo il Global Energy and CO2 Status Report dell’Agenzia internazionale per l’energia, la CO2 generata del settore energetico, che è circa il 60% del totale di anidride carbonica immessa in atmosfera, è salita dell’1,7% raggiungendo il nuovo massimo storico a 33 miliardi di tonnellate. 

Di questi 33 miliardi, oltre 9 sono attribuibili alla Cina, dove l’anidride carbonica immessa in atmosfera è aumentata del 2,5% rispetto allo scorso anno.

Parlare di Giornata Mondiale dell’ambiente vuol dire anche soffermarsi su cosa c’è nell’ambiente, come le piante, l’erba, i fiori. Questi ultimi, grazie ai propri colori e alla propria bellezza, rappresentano a pieno la natura, la purezza e l’ambiente che ci circonda. Sapevate ad esempio che giugno (6⁰ nel calendario) è il mese del girasole? In questo periodo ci si avvicina all’estate, al caldo, e i girasoli iniziando a fiorire e a fare capolino verso il sole. Si narra che nel 1567 a Padova fu trovato un girasole alto ben 12 metri e più recentemente in Canada ne è stato scovato un altro altrettanto alto di 8 metri.

Pensando alla Giornata Mondiale dell’ambiente, spiccano davvero tanti numeri! E sapete qual è la cosa curiosa? Se si pensa all’ambiente, si pensa automaticamente alle piante, al verde…E il numero associato al verde nei sogni è il 33, proprio quante sono le suddivisioni provinciali della Cina, il Paese che ospita quest’anno le celebrazioni della Giornata mondiale dell’ambiente. Una coincidenza decisamente singolare!

In Evidenza