24/07/2019
La storia e l’evoluzione del SuperEnalotto

Rispetto al Lotto, tenendo la carta d’identità alla mano, è un giovincello, eppure non è esagerato dire che il SuperEnalotto in appena un paio di decenni sia entrato di diritto nella storia d’Italia, diventando uno dei giochi più amati.

La storia del SuperEnalotto


Come suggerisce anche il nome, il SuperEnalotto nasce come evoluzione dell’Enalotto, il concorso settimanale a premi legato ai numeri del Lotto che aveva fatto divertire e vincere tanti italiani dal secondo dopoguerra alla fine degli anni ’70.

La struttura dell’Enalotto, il cui nome era la fusione di Enal (l’Ente nazionale assistenza lavoratori, che gestiva originariamente il concorso) e Lotto, era analoga a quella del Totocalcio: i segni (1, X, 2) derivavano dai primi estratti delle 10 ruote del Lotto più i secondi estratti delle ruote di Roma e Napoli; il segno 1 era associato ai numeri da 1 a 30, il segno X ai numeri da 31 a 60, il segno 2 ai numeri da 61 a 90. Vinceva chi avesse totalizzato 12, 11 o 10 punti.

Dopo anni di successo iniziò un lento declino con un calo delle giocate, che portò alla soppressione del concorso nel 1978. Ma due decenni più tardi, nel 1997, tornò un SuperEnalotto totalmente rinnovato, che incontrò fin da subito un largo consenso da parte degli italiani, grazie anche alla sua estrema semplicità.                     
Per giocare era necessario scegliere 6 numeri tra 1 e 90, più un numero Jolly, estratti a sorte sulle ruote di diverse città: Bari, Firenze, Milano, Napoli, Palermo e Roma per la sestina; Venezia per l’estrazione del numero Jolly. Le estrazioni avvenivano 3 volte a settimana, ogni martedì, giovedì e sabato.        

Al SuperEnalotto si vince non solo centrando la sestina estratta, aggiudicandosi il Jackpot, ma anche con altre combinazioni numeriche, per esempio con il 5+1, dove l’1 in questione è il numero Jolly estratto. E’ possibile aggiudicarsi premi in denaro anche indovinando 5, 4, 3 e 2 numeri della sestina.

Dal primo SuperEnalotto al Jackpot più alto di sempre 


È una storia in evoluzione lunga quasi 22 anni quella del SuperEnalotto. Ripercorriamola nelle sue tappe principali:

  • 1997 – Mercoledì 3 dicembre va in scena la prima estrazione del nuovo gioco. Numeri estratti: 20 36 39 41 76 e 88 (Jolly). Nessuno si aggiudica il Jackpot.
  • 1998 – A pochi mesi dal debutto, il SuperEnalotto è già un successo: vendite +1.000% e 50 milioni di giocate per estrazione. La prima sestina vincente viene centrata il 17 gennaio 1998 a Poncarale, in provincia di Brescia: il premio era di 11.800.000.000 di lire.
  • 2002 – Il 2 gennaio c’è la prima estrazione con i premi pagati in euro, la nuova moneta europea introdotta in Italia il giorno precedente: il costo di una schedina del SuperEnalotto viene convertito da 1.936 lire a 1€ (giocata minima da due colonne).
  • 2006 – Con l’intento di aumentare il numero dei vincitori, viene introdotto il SuperStar che, con un costo addizionale, aumenta il numero di premi disponibili da 6 a 14.
  • 2009 – Cambia la modalità d’estrazione: il SuperEnalotto diventa un gioco indipendente, rimpiazzando i numeri delle ruote del Lotto con numeri sorteggiati da un’urna appositamente dedicata.
  • 2010 – Il 30 ottobre viene centrato il 6 da 177.700.000€, il più alto Jackpot mai vinto fino a quel momento nella storia del SuperEnalotto.
  • 2016 – Il prezzo di un singolo biglietto passa da 50 centesimi a 1€, ma cessa l’obbligatorietà dell’acquisto minimo di 2 giocate. Tra le novità: viene aggiunta una nuova categoria di premio per chi indovina 2 numeri e un jackpot minimo garantito da 2.000.000€.
  • 2019 – In fuga da oltre 1 anno (l’ultimo 6 vincente è stato il 23 giugno 2018), il Jackpot diventa il più alto della storia, arrivando quasi a sfiorare i 200.000.000€.

Il SuperEnalotto online   


Negli ultimi anni, infine, al SuperEnalotto “tradizionale” da giocare in ricevitoria, si è affiancato il SuperEnalotto online. Quest’ultimo mantiene tutte le peculiarità del gioco, comprese le 3 estrazioni settimanali, ma semplifica ulteriormente le procedure e arricchisce il quadro: nella sezione delle Lotterie online di Lottomatica.it si possono utilizzare due combinazioni, ognuna composta da 6 numeri che vanno da 1 a 90, scegliere un sistema (consultando le quote presenti nella Bacheca dei sistemi), convalidare la giocata, aspettare l’estrazione e verificare se i numeri giocati sono quelli vincenti.       

Il SuperEnalotto, poi, è sempre più a portata di mano: grazie alla nuova App SuperEnalotto, disponibile per dispositivi iOS e Android, si può giocare dove e quando si vuole, rimanendo aggiornati sulle varie estrazioni.

Questa è l’evoluzione del SuperEnalotto: ora non resta che scegliere i propri numeri fortunati, fare la propria giocata e incrociare le dita.

In Evidenza