24/10/2019

5 consigli per giocare a poker: la guida per i principianti

5 consigli per giocare a poker: la guida per i principianti

Come abbiamo già raccontato, il poker ha una storia lunghissima alle spalle: dalle rive del Mississippi, dov’era un comune passatempo, alle polverose città di frontiera del Far West come Dodgecity e Tombstone, fino ai moderni tornei e alla diffusione delle versioni online.

Di carte sul tavolo verde ne sono passate parecchie, ma una cosa non cambia, oggi come allora: l’avvento costante di nuove persone che si appassionano alle diverse varianti del poker e decidono di mettersi prova con un gioco che richiede, oltre a un pizzico di fortuna, anche e soprattutto strategia, esperienza e sangue freddo.

5 consigli per principianti a poker

Grazie a Internet, al giorno d’oggi è più facile per un principiante trovare le informazioni fondamentali per muovere i primi passi nel mondo del poker: aiutano anche i libri tematici, i consigli degli esperti, persino i film.

Per i novizi in cerca di consigli, ecco 5 indicazioni preziose da appuntarsi:         

  1. La selezione delle mani

Ai primi contatti con il tavolo verde è capitato a tutti (o quasi) di voler giocare tutte le mani: in realtà, l’approccio migliore è fare una selezione accurata delle mani da giocare. È fondamentale, poi, valutare il tutto in base alla propria posizione (vedi al punto 5), che fa assumere grande valore alle mani oppure le rende decisamente evitabili.

  1. L’importo di rilanci e puntate

Un altro elemento di grande importanza, specie quando si è agli inizi, è l’importo dei rilanci pre-flop e delle puntate post-flop: dimensioni corrette tra rilanci e puntate sono alla base del buon poker. Serve anche qui un’attenta valutazione: un raise 50x preflop è, per esempio, da evitare, specie quando la propria starting hand vale molto.

  1. Limpare in eccesso

Un errore in cui si tende a cadere quando si è alle primissime armi: entrare in gioco facendo solo call pre-flop senza altri raise precedenti, da qualunque posizione e, spesso, pure con mani non grandiose. Se si vuole aprire il gioco, il consiglio è di farlo con rilanci, non limpando: è un assist agli avversari, che vi inquadrano facilmente come un giocatore passivo, e un segno di debolezza.

  1. Non foldare mai

Nel poker non bisogna innamorarsi ciecamente delle proprie mani. È bene, poi, ricordarsi che, come occorre accuratamente selezionare le mani pre-flop, analoga attenzione va messa nel post-flop, dove esiste l’opzione, spesso trascurata, del fold. Quando si è agli inizi, si tende a non foldare, cioè decidere di non partecipare più alla mano, restituendo le carte al dealer, anche quando la mano non ha più possibilità di successo lungo il board. È un errore: a volte il fold è la soluzione migliore per non perdere troppe chips.

  1. La posizione

Tra tutti i concetti da apprendere quando ci si avvicina al mondo del poker, la posizione è indubbiamente uno dei più complessi: bisogna prepararsi a dovere, studiare, fare un po’ di esperienza e anche qualche inevitabile errore per comprendere fino in fondo l’importanza della posizione al tavolo da gioco. A volte essa è addirittura più importante delle carte stesse: un rilancio da Under the Gun, ovvero alla sinistra del grande buio, espone per esempio, a notevoli rischi rispetto a un raise fatto dal bottone, cioè seduti alla destra dello small blind. Valutare cosa fare in base a dove ci si trova è essenziale.

Questi sono i 5 consigli essenziali per chi vuole avvicinarsi al mondo del Poker: per conoscere altre curiosità, potete continuare a seguire le news sul Poker di Lottomatica.it.

L'ADRENALINA DEL POKER, LA SICUREZZA DI LOTTOMATICA.

Il Poker di Lottomatica usa un protocollo Secure Socket Layer con chiavi a 1024 bit e algoritmi di crittografia 3DES. La piattaforma di gioco è basata su Blowfish, un algoritmo aggiornato automaticamente ogni 10 minuti.

La sicurezza del gioco è certificata da TST Verified