15/10/2020

Le strategie per essere dei buoni giocatori di poker sono diverse e variegate, ma solo chi sa ingannare bonariamente gli avversari può davvero considerarsi un pokerista dalle doti spiccate. Il cosiddetto bluff è l’atteggiamento di un giocatore che tende ad indurre in errore l’avversario, impedendogli di capire quale sia la propria situazione di gioco. Ad esempio può fargli credere di essere in una situazione migliore di quella reale, o viceversa.

Come bluffare nel gioco del poker

Il bluff può considerarsi parte integrante del gioco, che solo in pochi sanno applicare. Si tratta senza dubbio di una tecnica che prevede un seppur minimo rischio, ma il controllo esercitato su questo tipo di dissimulazione porta a grandi soddisfazioni.

Esistono tre elementi fondamentali per saper bluffare nel gioco del poker senza i quali, questo non sarebbe profittevole:

  • Una storia credibile: in primis, un buon bluff non può iniziare a caso dal nulla, ma deve essere parte di una storia. Un racconto di finzione che abbia una fase iniziale, uno svolgimento e una fine. Attenzione, il tutto deve avere un senso e deve essere credibile agli occhi dei nemici;
  • Il giusto avversario: da ricordare che nel poker la conoscenza è tutto e lo stesso vale per i bluff. Bisogna avere cognizione dell’avversario in maniera tale da poter essere sicuri che abbia più di un motivo per foldare;
  • L’immagine al tavolo: è necessario costruirsi un’immagine e un’identità, per sfruttarla in modo da poter bluffare con successo.

Bluff e psicologia: quanto influiscono in una partita

Esistono tre tipi di bluff nel gioco del poker:

  1. Bluff puro: con l’obiettivo di far abbandonare la mano agli avversari, si finge di avere delle combinazioni alte in mano quando in realtà non è così;
  2. Bluff passivo: con lo scopo di far crescere il piatto il più possibile, una volta che si è consapevoli di avere la mano migliore, si cerca di fare continuare a lottare gli avversari per poter vincere poi tutto alla fine;
  3. Semi-bluff: la mano, essendo debole, può essere migliorata fino al punto di diventare la mano dominante.

Una delle caratteristiche più specifiche di questo gioco è proprio la possibilità di ingannare bonariamente l’avversario al fine di confondere e depistare le sue azioni, mostrandogli una realtà mistificata dagli atteggiamenti del bluffatore.

Quando si è intorno al tavolo da gioco, il bluff e la psicologia sono due tra le risorse più importanti che possono essere utilizzate dai giocatori. Da una parte, infatti, con la psicologia è possibile interpretare alcuni segnali, anche involontari, di chi partecipa al gioco per poi valutare le carte che hanno e la loro effettiva capacità di gioco. Dall’altra parte, il bluff serve a mascherare, a seconda del bisogno, l’effettivo valore della mano che si possiede.

Per mettere alla prova la propria tecnica di pokerista, è possibile scegliere uno dei tornei di poker attivi su Lottomatica.it: per farlo basta aprire un conto gioco, effettuare la prima ricarica e scegliere il tipo di poker preferito.

L'ADRENALINA DEL POKER, LA SICUREZZA DI LOTTOMATICA.

Il Poker di Lottomatica usa un protocollo Secure Socket Layer con chiavi a 1024 bit e algoritmi di crittografia 3DES. La piattaforma di gioco è basata su Blowfish, un algoritmo aggiornato automaticamente ogni 10 minuti.

La sicurezza del gioco è certificata da TST Verified