13/12/2019

Cosa hanno in comune una spiaggia, uno stato federale e una variante di Poker a carte scoperte?

Omaha: una variante di Poker americano simile all’Hold’em

Tra le varianti di Poker più divertenti e gettonate, dopo il Texas Hold’em, ce n’è una che è la diretta derivazione del più famoso texano: si tratta del Poker Omaha, che è anche la soluzione del nostro quesito.

Le origini dell’Omaha Poker

Come abbiamo già raccontato, l’America è stata la culla del Poker e anche questa variante non fa eccezione. Il gioco cambiava nome di località in località: in Oklahoma c’era l’Oklahoma Two by Three, mentre in Nebraska era diffuso l’Omaha.

Omaha che, come molti ricorderanno, è anche il nome in codice dato dagli alleati a una delle 5 spiagge su cui avvenne lo sbarco in Normandia il 6 giugno 1944.

Poker Omaha: le caratteristiche

L’Omaha del Nebraska prevedeva che il giocatore, per realizzare i punteggi, usasse obbligatoriamente 2 delle 4 carte private insieme a 3 delle 5 comuni: dato che tra Texas e Omaha le affinità erano molte, i giochi finirono col tempo per creare l’attuale Omaha (oltre al cosiddetto Greek Hold’em).

Le regole di Omaha e Texas Hold’em sono quasi le stesse, in quanto vi sono 2 eccezioni. La prima differenza è che nell’Omaha le carte personali, come anticipato, sono 4 e non 2; l’altra è che il giocatore deve, poi, necessariamente utilizzare 2 delle proprie carte personali per comporre il punto, quindi è costretto a usare solo 3 carte comuni.

L’obiettivo è avere la mano migliore: il giocatore che guadagna tutte le chips degli altri pokeristi vince; tutti gli altri si ritirano.

Esistono due tipologie di Omaha: High e Hi-Lo. La principale differenza sta nella divisione del piatto: nell’High Omaha si aggiudica la vincita soltanto chi possiede il punteggio più alto; nell'Omaha Hi-Lo il piatto viene, invece, diviso tra la mano di classifica più alta e quella più bassa.

Come si gioca a Omaha

Analizziamo, passo dopo passo, le modalità di gioco:

  • Prima dell’avvio del gioco, si determina, con modalità casuali, la posizione di ciascun giocatore al tavolo e chi assume il ruolo di mazziere (Dealer) nella prima mano; in quelle successive sarà colui che è alla sinistra del mazziere della mano precedente;   
  • Il giocatore alla sinistra del Dealer punta obbligatoriamente nel Piatto (Pot) il Buio (Blind) e il giocatore successivo punta il Controbuio (Big Blind) prima della distribuzione delle carte. Inizia il gioco e i giocatori ricevono 4 carte coperte, visibili solo a chi le ha ricevute;         
  • Una volta che la puntata dell’ante è stata fatta, si avvia il primo giro di carte: a ciascun giocatore sono distribuite, 1 alla volta e in senso orario, 4 carte coperte; nelle successive mani verranno distribuite ulteriori 5 carte comuni a tutti i giocatori;
  • Opzioni di puntata: nell’Omaha, come nelle altre varianti di Poker, le azioni disponibili sono Fold, Check, Bet, Call, Raise, All In.           
  • Dopo aver visto le proprie carte coperte, ogni giocatore può giocare la propria mano, chiamando o rilanciando il Big Blind. La puntata minima per il Pot Limit Omaha è pari al Big Blind, con i giocatori che possono rilanciare fino a un massimo del piatto. Nel No Limit Omaha la puntata minima è pari al Grande Buio, mentre non vi sono restrizioni, fino all’ammontare della propria posta, per la massima.
  • Terminato il Pre-Flop, successivamente alla distribuzione delle 4 carte coperte, avviene la distribuzione delle 5 carte comuni in tre passaggi:      
    • Flop: è costituito da 3 carte comuni scoperte disponibili per tutti i giocatori attivi. Si procede quindi al 2° giro di puntate, che ha inizio dal primo giocatore attivo alla sinistra del bottone;
    • Turn: la 4° carta comune seguita da un giro di scommesse a partire dal primo giocatore in gioco alla sinistra del Dealer;
    • River: la 5° e ultima carta posta al centro del tavolo seguita dall’ultimo giro di scommesse a partire dal primo giocatore in gioco alla sinistra del Dealer.

Questa è una panoramica introduttiva per un primo approccio all’Omaha, indubbiamente tra le varianti più appassionanti del Poker: non vi resta che entrare nella Poker Room di Lottomatica e passare dalla teoria alla pratica.


L'ADRENALINA DEL POKER, LA SICUREZZA DI LOTTOMATICA.

Il Poker di Lottomatica usa un protocollo Secure Socket Layer con chiavi a 1024 bit e algoritmi di crittografia 3DES. La piattaforma di gioco è basata su Blowfish, un algoritmo aggiornato automaticamente ogni 10 minuti.

La sicurezza del gioco è certificata da TST Verified