Per tutte le varianti del gioco del Poker, il mazzo utilizzato è il mazzo di carte francesi composto da 52 carte. Ciascuno di essi si suddivide in 4 semi (cuori, quadri, fiori e picche) composto a sua volta da 13 carte, ossia 9 numerate da 2 a 10 e 4 figure (Asso, J, Q, K).

Tuttavia, alcune versioni del gioco propongono varianti nell’utilizzo del mazzo francese:

  • nel "Pokerclub 5 Card Draw 7-A" è utilizzato un mazzo di 32 carte di 4 semi diversi: cuori, quadri, picche e fiori. Ci sono 8 carte per ciascun seme. Il valore delle carte è diverso e decrescente nel seguente ordine: A (Asso), K (Re), Q (Donna), J (Fante), 10, 9, 8, 7. Solo nel caso di 5 giocatori al tavolo vengono aggiunti al mazzo anche i 6 come valore piu' basso. Se tutti i giocatori, scartano il massimo numero di carte consentito (5), le carte rimanenti nel mazzo non saranno sufficienti per distribuire a tutti i giocatori delle nuove carte. Quindi, quando il mazzo è terminato, le carte che erano state scartate dai giocatori vengono mescolate e ridistribuite ai giocatori che ne avevano fatto richiesta. Nel “5 Card Draw 7-A”, la Scala reale è composta da 5 carte dello stesso seme in sequenza di scala (con 32 carte) dal piu' grande al piu' piccolo: A, K, Q, J, 10, 9 mentre la scala reale minima è costituita da 10,9,8,7, A (Asso). In questa tipologia di gioco, inoltre, il Colore assume un punteggio superiore rispetto al Full.
  • nel "Pokerclub Soko" la Scala reale è costituita da 3 carte dello stesso valore (che costituiscono un Tris) accoppiate con 2 carte dello stesso valore (una coppia). Quattro carte di valore consecutivo (purchè non ad incastro) non tutte dello stesso seme ed una non in sequenza. Nel "Pokerclub Soko" sono previsti 2 tipologie di punteggi in più rispetto agli altri giochi, ovvero: 4/5 di Scala quattro carte di valore consecutivo (purché non ad incastro) non tutte dello stesso seme ed una non in sequenza ammesso l'utilizzo dell'asso come carta piu' bassa di un 4/5 di scala A-2-3-4; 4/5 di Colore: quattro carte dello stesso seme non in sequenza ed una carta di seme differente.

Carte da Poker: le origini

Non è semplice rintracciare nella storia le origini del Poker, a causa della scarsità di testimonianze su questo argomento. Tuttavia piccole tracce rimandano indietro nel tempo di addirittura un millennio.

Per quanto riguarda la nascita delle carte da gioco, alcuni ritengono siano state inventate in Cina, altri in India, altri ancora dicono che siano nate contemporaneamente in diverse culture: tuttavia, a qualunque regione del mondo si ritiene che appartengono, è certo che si trattasse di un oggetto prezioso che potevano permettersi solamente i più agiati, in quanto, prima dell’invenzione della stampa, venivano realizzate interamente a mano.
In realtà, anche dopo il ‘400, le carte popolari diffuse tra le persone meno abbienti e che si trovavano spesso nelle taverne, dove si soleva giocare a carte, erano di scarsa qualità e assai fragili.

Per quanto riguarda l’origine dei semi delle carte, si suppone che siano nati nel ‘600, sulla falsa riga di quelli già diffusi tedeschi (foglie, ghiande, campanelli e cuori), che vennero imitati. Alcuni studiosi ritengono addirittura che la scelta dei simboli sia un riflesso dell’ordine sociale del Medioevo, ovvero che le carte siano una riproduzione delle principali figure della società, come ad esempio Coppe il Clero, Denari i Mercanti, Spade i Nobili e Bastoni i Contadini, le cui corrispettive nelle carte francesi diventano Cuori, Quadri, Fiori e Picche.

L’utilizzo di queste carte nel gioco del Poker, invece, è confermato da un articolo datato 1805, New Orelans, in cui l’attore Joseph Crowel parla di un gioco in cui 4 giocatori puntano su combinazioni vincenti, utilizzando un mazzo di 20 carte (infatti, l’attestazione dell’utilizzo del mazzo da 52 carte risale solo al 1840).

Carte da Poker: composizione

Il mazzo di carte francesi è un mazzo di 54 carte composto da 4 semi, ciascuno dei quali è costituito da 13 carte, che sono:

  • Carte numeriche: il mazzo si compone di 10 carte numerate da 2 a 10. Ciascuna carta riporta sia il seme di cui fa parte sia il suo numero;
  • Figure: le 3 carte che riportano le figure sono Fante, contraddistinto dal simbolo J, Regina (Q) e Re (K);
  • Carte speciali: ogni mazzo inoltre è caratterizzato dalla presenza di 2 jolly.

Semi, figure e Jolly nelle Carte da Poker

Nel gioco del Poker, come regola generale, vengono usate tutte le carte che si suddividono in 26 carte rosse (cioè con semi rossi) e 26 carte nere (quindi semi neri). Ciascun gruppo di colori si divide, a sua volta, in ulteriori semi: rossi sono i quadri e i cuori e neri sono i fiori e le picche. Ciascuno di questi semi contiene:

  • Carte numerate: le carte numerate vanno dal 2 al 10 e assumono un valore in base al valore della propria carta ovvero il 2 ha valore 2, il 3 ha valore 3 e così via;
  • Figure: sono le carte più forti che hanno un valore più alto rispetto a tutte le altre, così stabilito secondo un ordine crescente: J, Q, K, A;

Jolly: nel gioco del Poker non vengono utilizzati i Jolly, che quindi vengono generalmente scartati prima dell’inizio del torneo.

L'ADRENALINA DEL POKER, LA SICUREZZA DI LOTTOMATICA.

Il Poker di Lottomatica usa un protocollo Secure Socket Layer con chiavi a 1024 bit e algoritmi di crittografia 3DES. La piattaforma di gioco è basata su Blowfish, un algoritmo aggiornato automaticamente ogni 10 minuti.

La sicurezza del gioco è certificata da TST Verified