Roma vs. Juventus: quote, risultati e statistiche

Roma vs. Juventus, la Magica e la Vecchia signora: storia di una lunga rivalità e di polemiche infinite, ma anche di partite memorabili e fenomenali protagonisti.

Roma-Juventus: le origini

Una panchina in corso Re Umberto, uno dei viali nobili del centro di Torino: è il ritrovo di un gruppo di giovani liceali uniti dalla passione per il football, gioco da poco importato dall’Inghilterra. C’è un’idea che li stuzzica: fondare una società sportiva che proprio nel football abbia la sua ragione d’essere. Detto, fatto: il 1° novembre del 1897 nasce la Juventus, il club più vincente d’Italia. Il primo campo è in Piazza d'Armi, la prima maglia rosa: con quella, nel 1900, la Juventus debutta in campionato. Nel 1903 arriva il bianconero, importato da Nottingham, e nel 1905 il primo scudetto.

30 anni esatti: questo l’arco temporale che separa la nascita della Juventus da quella della Roma. Il club capitolino vede la luce nell’estate del 1927, attraverso la fusione di 3 società sportive (Alba-Audace, Fortitudo-Pro Roma e Football Club di Roma) per provare a contrapporsi più efficacemente allo strapotere del Nord. La nuova società adotta come simbolo la lupa e i colori sociali scelti sono quelli del gonfalone del Campidoglio: il giallo e il rosso. Tempio del tifo giallorosso agli albori è il Campo Testaccio, dove la Roma gioca dal 1929 al 1940. È, però, il campo della Rondinella, alle pendici di Villa Glori, a ospitare il primo derby con la Lazio l’8 dicembre del 1929.

Le sfide tra Roma e Juventus iniziano negli anni ’30, ma è dagli anni ’80 che la rivalità s’accende, diventando una delle più focose della Serie A: colpa di un gol annullato al giallorosso Turone. Dopo un periodo di tregua, complici anche differenti potenzialità e ambizioni, la rivalità torna in auge tra fine anni ’90 e inizio 2000: prima con le accuse di doping rivolte ai bianconeri dall’allora tecnico giallorosso Zeman, poi con i “tradimenti” dell’allenatore Capello e di alcuni giocatori giallorossi, passati alla Juventus.

Roma-Juventus: i risultati delle partite storiche

  • Roma-Juventus 2-3, 12 gennaio 1930

È il primo incrocio tra le due formazioni ed è anche la partita che stoppa l’inviolabilità del campo Testaccio: match vibrante fin dall’inizio con doppio vantaggio bianconero firmato Zanni-Cevenini III; per la Juventus anche il gol di Munerati, mentre ai giallorossi non bastano l’orgoglio e le marcature di Benatti e Chini.

  • Roma-Juventus 5-0, 15 marzo 1931
    Un’impresa da cinema: la Juventus è prima in classifica e si appre­sta a vincere il primo dei 5 scudetti consecutivi, ma torna dalla Capitale con una scoppola storica. La Roma è seconda e punta al titolo: la cinquina firmata Lombardo-Volk-Bernardini (doppietta)-Fasanelli diventa memorabile, al punto da ispirare anche un film, Cinque a zero di Mario Bonnard, con i camei di molti giocatori giallorossi.
  • Juventus-Roma 7-2, 8 ottobre 1950
    Mare forza 7: dopo il precedente del 1932 (7-1 per i bianconeri a Torino, tuttora la peggiore sconfitta dei giallorossi contro la Vecchia Signora), arrivano altri 7 gol, che, tuttavia, questa volta sono, se possibile, ancor più indigesti, visto che a fine anno per la Roma sarà Serie B. E, questa, la partita con il maggior numero di gol segnati tra le due formazioni.

  • Juventus-Roma 0-0, 10 maggio 1981

Alla terzultima di campionato, Juventus e Roma sono divise da un solo punto: al 74° di una partita non eccelsa Pruzzo fa da sponda per l’inserimento di Turone, che batte Zoff per l’1-0, partendo, però, almeno secondo il guardalinee, qualche centimetro più avanti rispetto a Prandelli. L’arbitro, che inizialmente aveva convalidato il gol, lo annulla tra le polemiche dei romanisti: al Comunale finisce a reti inviolate e sarà alla fine la formazione di Trapattoni a vincere lo scudetto.

  • Juventus-Roma 2-2, 6 maggio 2001
    Dopo quasi 20 anni, Juventus-Roma torna a essere decisiva per lo scudetto: al Delle Alpi dopo 6 minuti è già 2-0 bianconero, grazie alla doppietta di Del Piero, ma nella ripresa la Roma con i subentrati Nakata e Montella acciuffa un pareggio che si rivelerà decisivo; poco più di un mese dopo la Roma vince, infatti, il terzo scudetto della sua storia, chiudendo a +2 proprio sulla Juventus.

  • Roma-Juventus 4-0, 8 febbraio 2004
    Quattro gol e a casa: il gesto della mano con cui Totti invita lo juventino Tudor a non protestare diventa l’emblema non solo della scoppola rifilata dalla Roma di Capello all’ultima Juventus di Lippi, ma anche una delle immagini simbolo della carriera dell’ex numero 10 giallorosso.

Statistiche Roma-Juve

Statistiche Roma

  • 16 i trofei nella bacheca giallorossa: 3 scudetti, 9 Coppe Italia, 2 Supercoppe italiane, 1 Coppa delle fiere, 1 Coppa Coni
  • L’ultimo trofeo vinto è la Coppa Italia 2008 contro l’Inter
  • La Roma è stata la prima grande società calcistica italiana ad avere una proprietà straniera: nel 2011 il club giallorosso fu acquisito da un gruppo di imprenditori americani guidato prima da Thomas Di Benedetto, poi da James Pallotta
  • Assieme a Inter e Milan, la Roma è la squadra che è arrivata più volte al 2° posto in Serie A (14)
  • Tra i record della Roma: vittorie in trasferta (12, dal febbraio al novembre 2017); vittorie consecutive dall’inizio del campionato (10, 2013/2014); marcatore più giovane in Serie A (Amedeo Amadei a 15 anni, 9 mesi e 14 giorni).


Statistiche Juventus

  • Con ben 67 trofei la Juventus è il club più vincente d’Italia: in bacheca 35 scudetti, 13 Coppe Italia, 8 Supercoppe italiane, 3 Coppe Uefa, 2 Champions League, 2 Coppe intercontinentali, 2 Supercoppe europee, 1 Coppa delle Coppe, 1 Intertoto
  • I bianconeri detengono il primato per scudetti vinti consecutivamente: 8 dal 2011/2012
  • La Juventus è anche la squadra che è arrivata più volte 2° in Serie A, ben 17
  • Buffon nel 2015/2016, raggiungendo i 974 minuti, è riuscito a battere il precedente record di 921 minuti d’imbattibilità che resisteva da più di 20 anni (Sebastiano Rossi, Milan 1993/1994)
  • Tra i numerosi primati della Juventus: record di punti in Serie A in un solo campionato (102, 2013/2014); maggior numero di vittorie in una stagione in Serie A (33, 2013/2014); calciatore che ha segnato più gol in una sola partita (6, Omar Sivori in Juventus-Inter 1960/61).

Quote Roma-Juventus

Nella passata stagione Roma-Juve si era conclusa con un 2 a 0 per i giallorossi, forti anche del favore dei pronostici dei bookmaker, che li quotavano a 2 e mezzo circa, mentre la vittoria esterna della Juventus, a quel punto praticamente laureatasi già campione d’Italia, veniva data a qualche decimo di punto in più.
Considerate le ampie potenzialità di entrambe le squadre, la quota dell’over era data intorno al 2, mentre l’under era quotato intorno all’1,75.
Chissà se la Roma riuscirà a replicare l’ottimo risultato del girone di ritorno anche nel corso della nuova stagione 2019-2020? Certamente la Juve tornerà aggressiva e competitiva sia in campionato, sia sul fronte Champions League. I pronostici sono disparati e variano in base alla fede calcistica, ma soprattutto in base a criteri calcistici alla base delle scommesse sportive che puoi fare su Lottomatica.it e di cui i quotisti di Better sono grandi esperti.