B come battaglia, B come bellezza. La Serie B è il secondo livello professionistico del calcio italiano. Così come la “sorella maggiore”, la Serie A, è stata istituita nella sua formula a girone unico nel 1929/30. L’attuale regolamento prevede 3 promozioni in massima serie e 4 retrocessioni in Serie C, mentre le retrocessioni dalla Serie A alla B sono 3. 

Una competizione che vede confrontarsi nobili “decadute” e formazioni che puntano al grande salto. Il nome qui non conta: ogni partita è da giocare e tutti i campi sono in grado di riservare trappole anche alle squadre attrezzate per la promozione. Per questo, la Serie B è un campionato in grado di riservare sempre sorprese e intrigare, anche in chiave scommesse, tanto nella parte alta quanto nella parte bassa della classifica. Da decidere, infatti, oltre alle promozioni in Serie A, ci sono le griglie playoff e playout. Insomma, un campionato tutto da vivere, dall’inizio alla fine. 

Quota vincente Serie B

Finale playoff Venezia-Cittadella, in Veneto si gioca la doppia sfida che decide l’ultima squadra promossa in Serie A. Il Venezia è favorito, ma il Cittadella ha già mostrato contro il Monza che sa come si porta a casa un risultato. Il Venezia, guidato dal suo allenatore Zanetti e dai suoi attaccanti Maleh e Forte vuole riportare la promozione in laguna. Il Venezia si è aggiudicato l’andata con un 1-0, adesso in casa proverà a conservare il vantaggio. Il segno 1 in Venezia-Cittadella è dato a 2.20, la X a 3.05 e il 2 a 3.40, al Cittadella serve una mini impresa.

SQUADRE QUOTE PLAYOFF SERIE B

Venezia

1.06

Cittadella

7.75

 

Scommesse vincente campionato Serie B

Come ogni anno, a partire in pole position in chiave promozione sono le retrocesse dalla Serie A. Questo perché il bagaglio tecnico e anche economico (il famoso “paracadute”) possono fare la differenza. Spesso, però, la sceneggiatura della Serie B riserva sorprese e spariglia le carte. E così le retrocesse si ritrovano magari a dover battagliare. Da un lato con “vecchie volpi” della categoria. Dall’altro con new entry agguerrite, desiderose di conquistarsi un posto al sole in cadetteria e, perché no, tentare il colpaccio e la promozione.    
Quest’anno è l’Empoli a godere dei favori del pronostico. I toscani sono da tempo una solida realtà del calcio italiano. E, con l’arrivo in panchina di Dionisi, ha trovato un trampolino per il ritorno in massima serie. Il ruolino di marcia degli azzurri è stato fin qui eccellente, con pochi inciampi. 
Più in difficoltà, invece, le retrocesse Spal e Brescia: la risalita non sarà facile. L’altra retrocessa, il Lecce, può a ragione coltivare sogni promozione. Come pure il neopromosso Monza, che ha le carte in regola per puntare al doppio salto: d’altronde, la coppia Berlusconi-Galliani sa come si vince. E la rosa a disposizione di Brocchi è di prima qualità, con giocatori come Balotelli e Boateng, tra i tanti, che sono un lusso per la categoria. 
Ha finora deluso il Frosinone, finalista dei playoff nella passata stagione. I ciociari, dopo un buon inizio, si sono persi per strada e hanno salutato anzitempo il tecnico Nesta. Potrebbero rientrare in chiave promozione, tuttavia, ancora dalla finestra playoff.

PLAYOFF: CHI SALE IN A?

Ricordiamo come funzionano i playoff:

  • Vi accedono le 6 squadre classificate in regular season dal 3° all’8° posto;
  • Le squadre dal 5° all’8° posto disputano un turno preliminare a gara secca in casa della meglio classificata. In caso di parità si va ai tempi supplementari: qualora l’equilibrio resistesse ancora, non sono previsti i rigori, ma varrebbe il miglior piazzamento in classifica nella stagione regolare;
  • Le squadre vincenti disputano le semifinali con il ritorno in casa della formazione meglio piazzata al termine della regular season, senza eventuali supplementari;
  • Infine, la finale, con la partita di ritorno sul campo della meglio piazzata in campionato. Supplementari e rigori solo se le 2 squadre hanno finito il campionato a pari punti.

Monza, Venezia, Lecce, Cittadella, Brescia, Chievo, ai playoff. Terza e quarta classificata effettueranno un turno in meno, quindi Monza e Lecce attendono rispettivamente la vincente di Cittadella-Brescia e Venezia-Chievo. Nei playout invece quest’anno è successo di tutto, la corsa tra Pescara, Ascoli, Cosenza, Reggiana: queste erano le squadre in lotta per non retrocedere, ma il Pordenone ha fatto saltare il banco con 4 punti nelle ultime due giornate e ha ottenuto la salvezza diretta senza passare per i playout, che quindi quest’anno non si disputeranno per andare in Serie C.
I primi turni dei playoff sono stati agguerriti e combattuti fino all’ultimo minuto, Cittadella-Monza e Lecce-Venezia, una sfida tra due squadre mai state in Serie A e una tra due squadre che vantano più di 10 partecipazioni nel massimo campionato. Sarà una sorpresa o un usato sicuro?

QUOTE VINCENTE PLAYOFF SERIE B

I playoff, di fatto, sono un torneo nel torneo, con tutte le insidie del caso. Conta, infatti, l’esperienza, ma servono anche buona forma, freschezza mentale e un pizzico di audacia. Le ultime edizioni lo confermano, con le gioie di Hellas Verona e Spezia a far da contraltare alla delusione di Cittadella e Frosinone.      

Tra le formazioni da monitorare, il piccolo “Citta” si riconferma. La compagnia non manca: Salernitana, Venezia, Chievo e Spal sono le squadre da seguire in chiave scommesse sui playoff di Serie B. Con un occhio, però, alle formazioni che potrebbero rientrare in corsa, come il Pisa.    

La Serie B, insomma, entra nel vivo: su Lottomatica.it puoi trovare tutte le scommesse relative al campionato cadetto, le quote delle favorite e della vincente playoff, oltre alle analisi dei nostri esperti di Better.