Osservatorio Scommesse sugli Australian Open

Cose dell’altro mondo. Non solo perché si gioca dall’altra parte del globo. Ma anche perché 37 titoli nel Grande Slam non bastano per essere favoriti per la vittoria agli Australian Open 2021. È quanto emerge dall’ultima rilevazione dell’Osservatorio Scommesse di Lottomatica, che ha preso in esame le giocate sul torneo di Melbourne, il 1° Slam di stagione. I papabili per la vittoria, secondo gli scommettitori? Medvedev tra gli uomini, la padrona di casa Ashleigh Barty tra le donne. E, in campo maschile, si intravedono i primi spiragli di una nuova era.

Distribuzione delle scommesse vincente Australian Open maschile


In attesa del verdetto del campo, gli scommettitori ipotizzano una nuova “incursione” nel magico regno del trio Djoković-Nadal-Federer, dominatori dell’ultimo decennio abbondante, dopo quella di Dominic Thiem agli US Open 2020. Nel dettaglio, si punta su Daniil Medvedev, capace di calamitare il 55% delle scommesse. Il russo, vincitore delle ultime ATP Finals, ha, del resto, dimostrato negli ultimi tempi di aver limato alcune esuberanze caratteriali e di avere il physique du rôle per il suo 1° titolo del Grande Slam, dopo la finale persa agli US Open nel 2019.

Da solo, Medvedev fa meglio dei primi 3 del ranking ATP, ovvero Novak Djoković, Rafa Nadal e Thiem, che, sommati, arrivano “solo” al 32%. Ed è una notizia, contando che, albo d’oro alla mano, a Melbourne nelle ultime 17 edizioni appena 2 volte il successo non è andato a uno tra Djoković (8 vittorie), Federer (6) e Nadal (1 vittoria su 4 finali). È accaduto nel 2004, con la vittoria di Marat Safin, e nel 2014 con Stan Wawrinka.  

A orientare le puntate degli scommettitori è anche la tipologia di superficie su cui si gioca: se Nadal è, come noto, il re della terra rossa, sul GreenSet australe si danno maggiori chance di successo a Stefanos Tsitsipas (7%) e Andrej Rublëv (5%).


La distribuzione delle scommesse vincente Open d’Australia femminile



In campo femminile da tempo manca, invece, una leadership ben definita e il ranking WTA vale fino a un certo punto. Ad attrarre maggiormente le scommesse sulla vincente degli Australian Open è la numero 1 Ashleigh Barty. L’australiana, al rientro dopo aver saltato l’intera scorsa stagione europea a causa della pandemia, raccoglie il 23% delle giocate degli scommettitori.

A insidiarla non è, tuttavia, la numero 2 al mondo, ovvero Simona Halep: la romena riceve soltanto l’1% delle scommesse vincente totali. Anche qui sembra incidere il fattore superficie: per Halep il “terreno di caccia” è la terra rossa, anche se, a ben vedere, la tennista di Costanza ha statistiche migliori nel computo totale sul cemento. Ma in Australia ha raggiunto 1 sola volta la finale, nel 2018.

Per chi scommette sulla vincente degli Australian Open, hanno maggiori chance Naomi Ōsaka e la veterana Serena Williams: entrambe raccolgono il 18% di puntate. La giapponese, 3ª nel ranking WTA, cerca il 4° sigillo nel Grande Slam, dopo i due US Open tra il 2018 e il 2020 e all’Australian Open nel 2019. “The Queen”, invece, alle soglie dei 40 anni insegue il 24° titolo nello Slam che la proietterebbe al pari di Margareth Smith Court in vetta alla classifica delle plurivincitrici di tutti i tempi.


In campo femminile, però, come detto, il quadro è piuttosto variegato. Una conferma si ritrova proprio nei dati dell’Osservatorio: per gli scommettitori, ad avere buone chance di successo sul GreenSet di Melbourne sono, tra le altre, Aryna Sabalenka (12%), protagonista di un ottimo avvio di stagione, Bianca Andreescu (9%) e l’esperta Victoria Azarenka (6%), on fire nel 2020.         

Scommesse Australian Open: la modalità Live vince


Tra sorprese e conferme. L’indagine conferma, per esempio, come il tennis sia uno degli sport in cui si opta maggiormente per le scommesse in modalità live. Questo per la natura stessa della disciplina, in cui l’andamento del match, anche quello dall’esito sulla carta più scontato, può cambiare da un momento all’altro. La particolarità di questa tipologia di betting è che si può piazzare una giocata a evento in corso, con le quote in continuo aggiornamento, scegliendo tra varie scommesse come TESTA A TESTA MATCH LIVE, UNDER/OVER GAME LIVE, RISULTATO ESATTO GAME 4 SET 2 LIVE.    

Le scommesse Live sull’Open d’Australia 2021 fanno la parte del leone: così scommette il 63,55% degli utenti Lottomatica. Le scommesse tradizionali vengono scelte, invece, dal 36,45% della platea. Insomma, per una volta, il calcio non domina: anche se, come rilevato sempre dallo stesso Osservatorio, le scommesse in modalità Live sono cresciute del 7% nelle prime 7 giornate della Serie A in corso rispetto allo stesso segmento della scorsa stagione. E si opta per questa tipologia sempre più anche per le scommesse su Champions League ed Europa League.

Scommesse sui tennisti italiani agli Australian Open

Da ultimo, il lavoro degli esperti dell’Osservatorio si è concentrato sui tennisti italiani, in particolare su Fabio Fognini, Matteo Berrettini e sul nome del momento, Jannik Sinner. Come vanno le cose per gli assi della racchetta tricolore? Sintetizzando, potremmo dire che il Sud si mostra più appassionato e che nemo propheta in patria. Curiosamente, infatti, le scommesse sui big del tennis italiano non seguono la provenienza territoriale.

Berrettini, nel dettaglio, raccoglie scommesse da tutta Italia: il grosso al Sud (40%), meno nel “suo” Centro (23%); poi Nord Ovest (20%) e Nord Est (17%). Se il romano Berrettini svetta al Nord (37% complessivo), il ligure Fabio Fognini riceve, di contro, la maggior parte delle scommesse Lottomatica al Sud, il 43% del totale. Poi Nord Ovest (21%), Centro (19%) e Nord Est (14%).

Fognini ottiene il 49% di scommesse totali sui principali tennisti italiani. Berrettini, nonostante la top 10 del ranking e la semifinale degli US Open, si ferma al 21% delle scommesse sui big italiani. Meglio di lui fa l’astro nascente Sinner, che attrae il 30% di scommesse. Il classe 2001 di San Candido, d’altronde, sta scalando rapidamente le posizioni del ranking ed è ormai prossimo alla top 30. Anche per lui la provenienza sembra contare poco: pur essendo altoatesino, Sinner riceve il 41% delle scommesse al Sud, porzione di Paese regina, dunque, per quanto riguarda le giocate sul tennis italiano. Sul baby azzurro si punta, poi, per il 23% al Centro e al Nord Ovest e per il 12,8% al Nord Est.