Osservatorio Scommesse sulla Coppa Italia 2020-2021

Si potrebbe definire uptown cup, strizzando l’occhio a Billy Joel. Una Coppa Italia dei quartieri alti. Anche sul fronte scommesse: a primeggiare sono, infatti, le “7 sorelle” della Seria A. Emerge dalla nuova indagine dell’Osservatorio Scommesse di Lottomatica, dedicata proprio alle scommesse sulla Coppa Italia e alla scommessa vincente torneo. L’analisi porta alla luce anche interessanti differenze tra le giocate fatte nei punti vendita fisici e quelle online.

Coppa Italia: distribuzione delle scommesse per squadre

Iniziamo dando un’occhiata alle squadre su cui si scommette di più in Coppa Italia. A far la parte del leone sono le “7 sorelle” della Serie A: il 46% delle giocate complessive riguarda, infatti, Juventus, Milan, Inter, Atalanta, Napoli, Lazio e Roma. Del resto, il format tende a privilegiare le big: le prime 8 del campionato precedente entrano in scena solo agli ottavi. A differenza di quel che avviene, per esempio, in FA Cup in Inghilterra: qui niente teste di serie e accoppiamenti casuali. Anche per questo, si fatica a trovare da noi formazioni di Serie C che arrivano in fondo: per non parlare di esponenti della Serie D. Negli ultimi anni sono arrivati 4 successi di Juventus, Inter e Lazio, 3 del Napoli, 2 della Roma e 1 del Milan.

Tornando alla distribuzione delle scommesse per squadre, il 13% di puntate va ad altre formazioni di Serie A, protagoniste anche in Coppa Italia fino agli ottavi, ovvero Torino, Sassuolo e Spal. I ferraresi, in particolare, sono stati in grado di arrivare fino ai quarti, unica formazione di Serie B a farlo, guadagnandosi il 4% delle scommesse. Più della Roma (3%). Nel 41% di scommesse su altre formazioni rientra anche il neopromosso Spezia (2%), capace proprio di eliminare a sorpresa agli ottavi la formazione giallorossa, salvo poi arrendersi ai quarti al Napoli.

Distribuzione geografica delle scommesse sulla vincente della Coppa Italia

Per quanto riguarda la suddivisione per aree geografiche delle scommesse sulla vincente della Coppa Italia 2020/2021, prendendo in esame il canale fisico, l’indagine evidenzia che si scommette principalmente al Nord Ovest.

Da qui arriva, nel dettaglio, il 61% delle puntate sul torneo. E, nel 74% dei casi, si scommette sulla Juventus. Questo anche perché i bianconeri “giocano in casa”: non solo in quanto espressione di questa porzione d’Italia. Ma anche e soprattutto per il fatto che la Vecchia Signora vanta il record di successi (13) nella competizione tricolore, con 4 vittorie consecutive tra il 2015 e il 2018 e 6 finali raggiunte nelle ultime 10 edizioni.         
Nell’ultimo decennio di Coppa Italia, protagonisti sono stati anche Napoli e Lazio. I partenopei, campioni in carica, hanno alzato 3 volte il trofeo nelle altrettante finali raggiunte dal 2012 in poi; sono 2, invece, i successi biancocelesti su 4 finali raggiunte. Tuttavia, Centro Italia (13% di scommesse) e Sud (7%) fanno, insieme, poco più del 18% di puntate che arrivano dal Nord Est. Al Meridione sembra, dunque, non interessare molto questa specifica tipologia di scommessa: complice, forse, la stagione di alti e bassi finora della banda Gattuso, attesa tra pochi giorni dai sedicesimi di Europa League.

Scommesse vincente Coppa Italia: differenze tra online e punti vendita

Approfondendo la distribuzione per squadre delle scommesse vincente Coppa Italia nei punti vendita, è la Juventus la favorita per la vittoria finale. I bianconeri, da soli, raccolgono ben il 52% delle puntate. A seguire Inter (17%) e Milan (14%). I nerazzurri di Conte sono dall’inizio tra i favoriti per la conquista del torneo. Dopo la prematura uscita dall’Europa, la Coppa è, poi, obiettivo stagionale da non fallire, assieme allo scudetto. I rossoneri di Pioli, invece, eliminati proprio dall’Inter ai quarti, hanno attratto l’interesse degli scommettitori per l’ottimo inizio di stagione. Dando un’occhiata alla suddivisione delle scommesse vincente Coppa Italia per squadre nei punti vendita, segue un’altra lombarda: si tratta dell’Atalanta. Sulla banda Gasperini, protagonista anche in Champions League, punta l’11% dei giocatori. Distanti Lazio (5%) e Napoli (1%).        

Nonostante la forte componente regionale che si riscontra in generale nelle scommesse effettuate nei punti vendita, dalla rilevazione emerge una particolarità: infatti, Inter e Milan raccolgono più scommesse al Nord Est (49% per entrambe) rispetto alla propria area geografica, ovvero il Nord Ovest (30% i nerazzurri, appena il 5% per i rossoneri). Juventus e Atalanta, invece, fanno il pieno di puntate al Nord Ovest: 87% i bianconeri, 86% i bergamaschi. Come anche Napoli e Lazio sono “profeti” in casa: 81% per i partenopei al Sud, quasi plebiscitari i biancocelesti al Centro con il 94%.

Vincente Coppa Italia: Atalanta favorita per gli scommettitori online

Diverso è il panorama per quanto riguarda le scommesse vincente Coppa Italia online. Qui si punta forte sull’Atalanta. La formazione bergamasca, ormai stabilmente tra le grandi del nostro calcio, raccoglie il 45% delle giocate. La Dea è seguita dalla Juventus, che attrae il 28% di puntate in virtù del già citato feeling con la competizione. Alle spalle di Atalanta e Juve troviamo Milan (10%), Inter (7%) e Roma (6%). Più staccate Napoli (2%) e Lazio (1,5%).

L’indagine dell’Osservatorio Scommesse ha, infine, preso in esame la distribuzione per fasce d’età sul fronte delle scommesse vincente Coppa Italia online. Ne emerge che a scommettere di più sono i rappresentanti della fascia 41-55 anni: arriva da qui, infatti, il 60% delle giocate, il 75% delle quali è a favore dell’Atalanta. Dati simili per le fasce Over 55 e 26-40 anni, entrambe a quota 17%. Chiude, con il 6% di scommesse, la fascia 18-25 anni, nonostante la maggior familiarità, sulla carta, dei più giovani con il mezzo tecnologico.