Scommesse rugby 6 Nazioni

Fare meta quest’anno è stato più difficile del previsto: anche il mondo del rugby ha dovuto fare i conti con la pandemia di Covid-19, come, d’altronde, tante altre discipline, dal calcio al basket, dalla Formula 1 al tennis.

Il 6 Nazioni 2020 è stato stoppato, di fatto, a pochi metri dal traguardo: l’emergenza sanitaria legata alla diffusione del coronavirus ha, infatti, costretto gli organizzatori ad annullare il 5° e ultimo turno, in calendario originariamente il 14 marzo, oltre a Irlanda-Italia del round 4 il 7 marzo.

6 Nazioni 2020: recuperi gare e favorite per la vittoria

Quando si recupera? A fine ottobre, nell’idea del World Rugby, o comunque in autunno, prima di una finestra di gare internazionali comprendenti le Federazioni del Sei Nazioni e nazionali invitate a competere in Europa.

Non saranno match di poco conto: da decidere c’è, infatti, la vincitrice della 21° edizione della versione moderna del più importante torneo internazionale di rugby a 15 dell’emisfero Nord (la 126° all time). In testa, con 13 punti, frutto di 3 vittorie e 1 sconfitta ci sono al momento Inghilterra e Francia, con i 3 Leoni avanti per una migliore differenza punti rispetto ai Galletti. L’ultimo turno del Sei Nazioni 2020 propone Italia-Inghilterra e Francia-Irlanda. 

Ricordiamo che il regolamento del Six Nations Championship prevede 4 punti per la vittoria, 2 per il pareggio, 0 per la sconfitta, con 1 punto supplementare alla squadra che marca 4 o più mete in un incontro e 1 ulteriore punto alla formazionale che, pur sconfitta, perde con 7 o meno punti di scarto. 

Da notare che, vincendo, l’Inghilterra, favorita della vigilia a livello di quote vincente Sei Nazioni 2020, raggiungerebbe i campioni in carica del Galles in vetta all’albo d’oro a quota 39 successi. Gli inglesi, trionfatori della 1° edizione del torneo nel lontano 1883 e capolista in fatto di Grande Slam (vittoria di tutte le partite in una singola edizione del torneo), ben 13.

Handicap rugby scommesse

Tra le varie tipologie di scommesse sul rugby sono particolarmente gettonate quelle con l’opzione handicap. Che cosa significa?

Come approfondiamo nella nostra guida, le scommesse con handicap prevedono l'assegnazione da parte dei bookmaker di uno svantaggio alla squadra favorita (e, dunque, di un vantaggio alla sfavorita) per equilibrare il gap tecnico tra 2 squadre.

Indicato da una cifra, equivale a uno scarto: di gol nel calcio, di set/game nel tennis, di punti nel rugby. Questo valore va considerato, quando si effettua la scommessa, per il calcolo del giusto esito dell’evento.

Un esempio di handicap rugby scommesse è ESITO FINALE 1X2 CON HANDICAP, disponibile anche nella modalità di scommesse LIVE: la scommessa consiste nel pronosticare l’esito dell’avvenimento al termine dei tempi regolamentari, considerando l’handicap (espresso in punti) assegnato a 1 delle 2 squadre. Il risultato della scommessa viene determinato sottraendo il valore dell’handicap dal punteggio realizzato sul campo dalla squadra al quale lo svantaggio è stato assegnato: 1 (con H) indica la vittoria della squadra ospitante; X (con H) il pareggio; 2 (con H) la vittoria della squadra ospitata.

Quote Irlanda-Italia rugby

Focus ora sull’Italia, cenerentola del torneo e con numeri più neri che azzurri: la vittoria per gli Azzurri manca ormai da 5 anni (7 in casa) e lo 0-17 rimediato dalla Scozia prima dello stop per la pandemia è stata la 25° sconfitta dei fila.

Gli uomini di Franco Smith devono affrontare, come si è visto, ancora 2 partite: Irlanda fuori e Inghilterra in casa. Finora sono arrivate 3 sconfitte con Galles, Francia e Scozia e in 2 di queste (Galles e Scozia) gli Azzurri non sono riusciti a fare neanche un punto. 

Si avvicina il cucchiaio di legno, il titolo assegnato simbolicamente alla squadra ultima classificata: sarebbe il 5° consecutivo, il 15° su 21 partecipazioni. L’Italia rischia anche il 5° Whitewash di fila (il 10° in totale), altro titolo simbolico e assai poco desiderabile assegnato alla Nazionale che perde tutti e 5 gli incontri in programma.

Messi sul tavolo i numeri, è inevitabile che gli Azzurri partano decisamente sfavoriti a livello di quote per Irlanda-Italia di rugby: gli Shamrocks di coach Joe Schmidt hanno fin qui avuto la meglio di Scozia (19-12) e Galles (24-14), perdendo, invece, (24-12) con l’Inghilterra, e restano tra i protagonisti del torneo, capaci di regalare emozioni e giocate spettacolari. 

Attenzione, però: proprio contro l’Irlanda è arrivata una delle poche gioie dell’Italia al Sei Nazioni. Era il 16 marzo 2013 e gli Azzurri di Brunel, dopo aver battuto la Francia e fatto tremare l’Inghilterra, chiudevano il loro miglior torneo di sempre piegando gli irlandesi all'Olimpico di Roma 22-15.

Quote Italia-Inghilterra rugby

Il margine si fa, se possibile, ancor più ampio parlando della sfida con l’Inghilterra: lo dice la classifica e lo confermano le quote di Italia-Inghilterra. Da una parte c’è la corazzata di Sua Maestà, in lizza per la vittoria del Sei Nazioni 2020 e per un posto nella storia; dall’altra una piccola Italia, che ha vinto appena 12 volte nel torneo, a fronte di 90 sconfitte. Gli Azzurri sono usciti sempre con le ossa rotte dai confronti con gli inglesi: 25 le sconfitte in altrettante partite complessivamente giocate (20 al Sei Nazioni).  

Mai dire mai, però, nel rugby, sport affascinante dove l’orgoglio ha una componente molto importante e può essere il valore aggiunto. Su Lottomatica.it trovi le quote di Irlanda-Italia, Italia-Inghilterra e delle altre partite rimanenti per le scommesse sul rugby 6 Nazioni 2020.