28/02/2018
Collodati

NAPOLI MAI COSÌ PRONTO PER VINCERE, MILAN SORPRENDE
Tanti gol e molte certezze in cima alla classifica

Cagliari - Napoli

Un Napoli straripante arrivato a 60 reti realizzate in 27 partite, asfalta il Cagliari e spedisce temporaneamente a -4 la Juventus, in attesa che i bianconeri recuperino il match con l'Atalanta. Ennesima prova di forza della squadra di Sarri, che domina in casa dei rossoblù esprimendo il solito calcio champagne: a segno Callejon che segna il suo 8 °, Mertens il suo 16°, Hamsik e Insigne al loro 6°. Ci troviamo davanti una macchina da 36 reti, ma è il sempre più convincente Mario Rui, rivelatosi preziosa risorsa dopo l'infortunio di Ghoulam, a stupire con una punizione degna del miglior Maradona. Questo Napoli appare ormai definitivamente consapevole della propria forza e finalmente maturo per uno scudetto che mai come adesso sembra alla portata. 

Roma – Milan

Il sorprendente Milan di Gattuso passa sul campo di una Roma sempre più in difficoltà con la sesta vittoria nelle ultime 7 partite e rilancia le proprie ambizioni in chiave Champions. In poco tempo, Ringhio è riuscito a dare un'anima e un gioco alla sua squadra, restituendo convinzione e certezze a un gruppo di calciatori che parevano allo sbando. Il successo sui giallorossi porta la firma dell'enfant prodige Cutrone ormai arrivato a 14 reti in stagione di cui 6 in campionato, e di un altro giovane, Calabria, anch'egli rigenerato dalla cura Gattuso. La crescita rossonera è certificata dai risultati, ma anche dal recupero di alcuni interpreti che sotto la gestione Montella erano sembrati non all'altezza, Calhanoglu e Bonucci su tutti. Dall'altra parte una Roma dimessa e sull'orlo della crisi, che rischia di vedersi allontanare irrimediabilmente il treno Champions. La Roma ha preso un altro schiaffone dopo la trasferta contro la Shakthar, quella col Milan è la quinta sconfitta casalinga su 6 in totale in campionato. Una squadra che lotta per un posto in Champions non può permettersi di perdere 5 gare davanti al proprio pubblico, è un'aggravante. In trasferta su 12 gare giocate è uscita sconfitta solo 1 volta ma sabato prossimo andrà a far visita al lanciatissimo Napoli, vedremo come andrà...

Inter - Benevento

Un'Inter ancora convalescente riesce faticosamente ad avere ragione di un Benevento ostinato che non ha mai vinto in trasferta, ma porta a casa tre punti fondamentali nella corsa a un piazzamento Champions, vista la contemporanea sconfitta della Roma. Senza Icardi l'attacco resta a secco e a buttarla dentro ci pensano i difensori: Ranocchia e Skriniar firmano il successo nerazzurro, regalando a Spalletti una settimana tranquilla in attesa del derby. I problemi dell'Inter permangono nonostante la 9° vittoria in casa su 14 gare, ma basterà il rientro di Icardi per fermare la corsa di un Milan che pare inarrestabile? Basterà la sua presenza in campo per rivitalizzare un reparto che nelle ultime 11 partite ha segnato solamente la bellezza di 9 reti su 42 totali? Basterà una difesa che a volte sembra scricchiolare ma regge dato che ha subito le stesse reti della Roma, 21?  

Sassuolo - Lazio

Galvanizzata dal rotondo successo sulla Steaua in Europa League con conseguente passaggio del turno, la Lazio piega anche il Sassuolo e sale al terzo posto a +1 sull'Inter. La squadra di Inzaghi sembra aver ritrovato lo smalto dei tempi migliori e impone la propria superiorità sugli avversari grazie a campioni del calibro di Milinkovic-Savic e Immobile che insieme hanno realizzato la bellezza di 32, la metà delle reti totali dei biancocelesti. Il 3-0 del Mapei Stadium certifica l'eccellente momento di forma dei biancocelesti e fa sprofondare i padroni di casa in piena zona retrocessione.

 

In Evidenza