05/06/2017

Crollo bianconero, trionfo blancos: Juve-Real in numeri

News Lottomatica Scommesse

Ennesima finale di Champions League persa per la Juventus: la settima su 9 disputate, la quinta consecutiva. E la maledizione europea che prosegue per i bianconeri.

Dopo un buon primo tempo in cui la squadra di Allegri aveva saputo reagire all'iniziale svantaggio grazie a un capolavoro di Mandzukic, la ripresa invece è stata da dimenticare: 1 solo tiro, fuori dallo specchio, e il totale dominio di un Real Madrid cinico e spietato.

Al di là della superiorità tecnica dei Blancos, la Juve è mancata dal punto di vista mentale, tradita dagli uomini più attesi: Higuain, Dybala, Bonucci e persino Buffon, non esente da responsabilità su almeno 2 dei 4 gol subiti.

La retroguardia bianconera, è crollata sotto i colpi dei fenomeni madrileni e in particolare dell’uomo dei record CR7: con la partita di sabato arriva a ben 600 gol in carriera, diventa il secondo giocatore a segnare in 3 finali diverse di Champions League, dopo Alfredo Di Stefano, e per il quinto anno consecutivo è il capocannoniere della competizione.

Anche Allegri ha le sue colpe, inspiegabile infatti la sostituzione di Dybala con Lemina e l'atteggiamento molle e quasi rassegnato della squadra dopo l'intervallo. Un approccio inspiegabile, soprattutto per una squadra di veterani: l’11 bianconero schierato contro il Real è infatti il più anziano di sempre per una finale di Champions, con un’età media di 30 anni e 336 giorni. Ha stupito l'eccessiva facilità con cui il Real è riuscito a far breccia in quella che tutti consideravano la difesa più forte al mondo e l'assoluta mancanza di quella compattezza e di quel carattere che avevano sempre contraddistinto i bianconeri nell'arco della stagione: in finale la Juve ha subito un gol in più (4) di quelli subiti in tutte le altre partite di questa edizione di Champions League (3).

Resta comunque la soddisfazione per un'annata entusiasmante, con 2 trofei messi in bacheca ed uno appena sfiorato.
La strada per Kiev comincia adesso, ma sarà lunga e tortuosa.

In evidenza

In evidenza