13/10/2020
News Lottomatica Scommesse

Dopo la Champions League, riparte anche l’Europa League: il 22 ottobre 2020 scatta la fase a gironi dell’edizione 2020/2021. Si giocherà fino a dicembre. Poi, sperando che non vi siano recrudescenze della pandemia di Covid-19, nell’anno nuovo si torna in campo per la fase a eliminazione diretta: sedicesimi di finale a febbraio, ottavi a marzo, quarti ad aprile, semifinali tra fine aprile e inizio maggio, mentre la finale è in programma il 26 maggio 2021 a Danzica. In questo articolo approfondiamo protagoniste e favorite dei gironi, scoprendo anche curiosità interessanti lungo la strada che ci porterà alla vincente in Europa League.

Gironi alla portata delle italiane, ma, a livello di quote vincente, le inglesi…

Iniziamo ricapitolando cosa ha riservato l’urna di Ginevra. Ecco i 12 gironi dell’Europa League 2020/2021:

Gruppo A: Roma, Young Boys, Cluj, CSKA Sofia
Gruppo B: Arsenal, Rapid Vienna, Molde, Dundalk
Gruppo C: Bayer Leverkusen, Slavia Praga, Apoel Beer-Sheva, Nizza
Gruppo D: Benfica, Standard Liegi, Rangers Glasgow, Lech Poznań
Gruppo E: PSV Eindhoven, Paok, Granada, Omonia Nicosia
Gruppo F: Napoli, Real Sociedad, AZ Alkmaar, Rijeka
Gruppo G: Braga, Leicester, AEK Atene, Zorja
Gruppo H: Celtic, Sparta Praga, Milan, Lille
Gruppo I: Villareal, Qarabag, Maccabi Tel-Aviv, Sivasspor
Gruppo J: Tottenham, Ludogorets, LASK, Royal Anversa
Gruppo K: CSKA Mosca, Dinamo Zagabria, Feyenoord, Wolfsberger
Gruppo L: Gent, Stella Rossa, Hoffenheim, Slovan Liberec
Gironi alla portata delle italiane, soprattutto per Roma e Napoli, che non a caso partono favorite nei rispettivi raggruppamenti: Roma vincente del Gruppo A quotata a 1.25, Napoli nel Gruppo F a 1.70, Milan nel Gruppo H a 1.60. Occhio, però a inglesi e spagnole: 9 vittorie nelle ultime stagioni, 6 spagnole e 3 inglesi. Arsenal (8.00) e Tottenham (9.00) in pole a livello di quote vincente Europa League 2020/2021. Ma attenzione anche a tedesche, olandesi e portoghesi, che tendono storicamente ad arrivare in fondo alla competizione. Senza contare chi scenderà dalla Champions League. Insomma, non sarà facile per le nostre formazioni.

Europa League: forse non tutti sanno che…

A proposito di Champions, le 48 squadre impegnate in Europa League sperano che il Siviglia possa restare nella competizione maggiore: gli andalusi hanno, infatti, nell’ex Coppa Uefa il loro terreno di caccia preferito, con ben 6 successi (record), di cui 4 nelle ultime 8 stagioni. Se questo è abbastanza noto, parlando di Europa League, forse, invece, non tutti sanno che:  

  • Chi vince la competizione per 3 volte di seguito o 5 alterne può esporre sulle casacche un multiple-winner badge: unica formazione al momento è il Siviglia, che nel 2015/2016 vinse la coppa per la 5ª (e 3ª consecutiva) volta.
  • A proposito di coppa, quella dell’Europa League pesa 15 kg ed è alta 65 cm. Composta da un calice d’argento su un piedistallo di marmo, senza manici, è stata ideata e realizzata dal laboratorio Bertoni di Milano. Il trofeo originale resta sempre all’Uefa, mentre le squadre vincitrici ricevono una replica di uguali dimensioni. 
  • La 1ª edizione del torneo, allora Coppa Uefa, si tenne nel 1971/1972 e a vincere fu il Tottenham nel derby inglese con il Wolverhampton, superato 3-2 all’andata e 2-1 al ritorno. Nel 2009/2010 fu, invece, l’Atlético Madrid a inaugurare il nuovo corso dell’Europa League, battendo 2-1 il Fulham.
  • È italiano il recordman di presenze: si tratta dell’ex capitano dell’Inter, Beppe Bergomi, che in carriera, tra il 1981 e il 1998, ha collezionato 96 presenze nel torneo, vinto 3 volte. Il top goalscorer è, invece, Henrik Larsson, autore di ben 40 gol in 56 presenze con Feyenoord, Celtic, Helsingborg: l’attaccante svedese precede Huntelaar (34) e la coppia Falcao-Aduriz (31).
     
  • L’Inter è la squadra che ha disputato più partite in Coppa Uefa/Europa League (196), conquistando il maggior numero di vittorie (96). I nerazzurri sono incalzati in entrambe queste speciali classifiche dallo Sporting Lisbona: i portoghesi, in compenso, hanno il record di partecipazioni al torneo (32), davanti al Club Brugge (31).
  • Il record di partecipazioni consecutive al torneo, 10, appartiene al Club Brugge: i belgi furono protagonisti in Coppa Uefa ininterrottamente dal 1996/1997 al 2005/2006.
  • Parlano olandese le migliori partite in termini di gol segnati: a livello di match singolo spicca Ajax-Red Boys Differdange, 14-0 al 1° turno nel 1984/1985. Come risultato complessivo andata e ritorno, invece, il Feyenoord, al 1° turno nel 1972/1973, segnò in 2 partite addirittura 21 gol ai malcapitati lussemburghesi dei Rumelange: 9-0 in casa all’andata, 12-0 in trasferta al ritorno.

Queste sono alcune curiosità, statistiche e quote dell’Europa League, pronta al via dell’edizione 2020/2021: su Better tutte le informazioni e le varie tipologie di scommesse possibili.