14/11/2019

Nazionale: Italia-Armenia è valida per le qualificazioni agli Europei 2020

Nazionale: Italia-Armenia è valida per le qualificazioni agli Europei 2020

Riparte la corsa a Euro 2020, con gli ultimi due turni di qualificazione. Al momento sono 6 le nazionali già approdate alla fase finale dei prossimi Europei di calcio: Belgio, Italia, Polonia, Russia, Spagna e Ucraina.

Mancano ancora 18 nazionali: i nomi saranno confermati in questi giorni dalle ultime partite dei gironi; le restanti usciranno dagli spareggi di fine marzo, dove si qualificano le prime 4 di ciascuna lega della nuova Nations League.

Per la prima volta dal 1980, infatti, non c’è alcuna nazionale qualificata d’ufficio alla fase finale dell’Europeo e non sarà l’unica novità. Euro 2020 sarà itinerante: il torneo si terrà in 12 città europee, tra cui Roma, che ospiterà la partita inaugurale (con l’Italia in campo), altre 2 gare della fase a gironi e un quarto di finale.

Qualificazioni Euro 2020: il quadro del girone J

L’Italia, dopo la delusione per la mancata partecipazione ai Mondiali di Russia 2018, ha già staccato il pass per gli Europei e nelle ultime 2 gare di qualificazione (15 e 18 novembre) affronterà prima la Bosnia ed Erzegovina in trasferta, poi l’Armenia in casa, a Palermo.

Entrambi i match potrebbero dire molto in chiave qualificazione per i nostri avversari, che non hanno ancora del tutto abdicato dall’idea di essere tra le magnifiche 24 di Euro 2020: Armenia e Bosnia hanno, infatti, 10 punti in classifica e inseguono a braccetto la sorpresa Finlandia, attualmente 2° a quota 15.

La missione è ardua, visti pure gli impegni sulla carta “morbidi” dei finnici contro Grecia e il fanalino di coda Liechtenstein: gli uomini del Ct Kanerva, vicinissimi alla 1° storica qualificazione alla fase finale di un Europeo, dovrebbero raccogliere 0 punti nel doppio impegno, mentre Armenia e Bosnia dovrebbero fare bottino pieno. Ipotizzando un arrivo in volata a quota 16, la Finlandia sarebbe in vantaggio negli scontri diretti con l’Armenia, ma in svantaggio con la Bosnia. Sembra una chimera, ma nel calcio mai dire mai…

Questa è la situazione, dopo 8 partite, nel girone J:

  1. Italia, 24 punti (qualificata): 8 vittorie, 0 pareggi, 0 sconfitte, differenza reti 22
  2. Finlandia, 15 punti: 5 vittorie, 0 pareggi, 3 sconfitte, differenza reti 4
  3. Armenia, 10 punti: 3 vittorie, 1 pareggio, 4 sconfitte, differenza reti -2
  4. Bosnia ed Erzegovina, 10 punti: 3 vittorie, 1 pareggio, 4 sconfitte, differenza reti 3
  5. Grecia, 8 punti: 2 vittorie, 2 pareggi, 4 sconfitte, differenza reti -4
  6. Liechtenstein, 2 punti: 0 vittorie, 2 pareggi, 6 sconfitte, differenza reti -23        

Anteprima Italia-Armenia: numeri e statistiche

Per gli Azzurri, insomma, le ultime 2 gare di qualificazione agli Europei 2020 saranno buoni stress test, perché di fronte si troveranno avversari molto agguerriti e desiderosi di conquistare l’intera posta in palio.

L’Italia resta, però, ovviamente la favorita: parlano la qualificazione conquistata per la 1° volta con 3 turni di anticipo e il percorso fin qui immacolato, ma, soprattutto, una ritrovata identità nel nuovo mister Mancini. Euro 2020 sarà la 10° partecipazione degli Azzurri alla fase finale di un Europeo: 1 sola vittoria (1968), con 2 sconfitte in finale (2000 e 2012) e la semifinale persa nel 1988 con l’Urss.

L’Armenia, formatasi solo nel 1992 dopo la scissione dell’ex Unione Sovietica, non è finora mai arrivata alla fase finale di Europei e Mondiali. La selezione allenata da Gyulbudaghyants’, che ha nel neo romanista Mkhitaryan il suo giocatore più rappresentativo, è tutt’altro che una squadra materasso, come dimostrato dal 4-2 rifilato alla Bosnia e dal successo in trasferta 3-2 contro la Grecia.

Sono 3 i precedenti tra Italia e Armenia: 2 vittorie per gli Azzurri (2012 e 2019) e 1 pareggio, il 2-2 a Napoli dell’ottobre 2013 nelle qualificazioni ai Mondiali 2014. In entrambi in match, che videro in campo Bonucci, Florenzi e Insigne degli attuali in rosa, andò a segno Mkhitaryan.

All’andata, lo scorso 5 settembre a Yerevan, finì 3-1 in rimonta per l’Italia, con gli Azzurri bravi a ribaltare l’iniziale vantaggio armeno firmato Karapetyan con Belotti, Lorenzo Pellegrini e l’autorete di Airapetyan.

Uno sguardo, infine, alle statistiche che riguardano lo stadio Renzo Barbera di Palermo, teatro lunedì di Italia-Armenia, con fischio d’inizio alle 20:45: “La Favorita” è un vero e proprio fortino azzurro. Qui la Nazionale italiana ha, infatti, giocato finora 14 volte, conquistando 12 vittorie (l’ultima il 2-0 all’Albania del marzo 2017), 1 pareggio (il 2-2 in amichevole del febbraio 2004 contro la Repubblica Ceca) e 1 sola sconfitta, rimediata nel lontano novembre 1994 contro la Croazia.

Questa una panoramica su Italia-Armenia, gara valida per il 10° e ultimo turno di qualificazione a Euro 2020: le ultime caselle dei prossimi Europei di calcio vanno riempiendosi. Su Lottomatica.it potete seguire le qualificazioni a Euro 2020 e scommettere con Better.