18/09/2019
Mondiali di ciclismo

Sarà lo Yorkshire, nel nord-est della Gran Bretagna, con il suo carico di storia, fascino e bellezze naturali, a ospitare dal 21 al 29 settembre i Campionati mondiali di ciclismo su strada, apice della lunga stagione internazionale delle due ruote.

12 i titoli che saranno assegnati sulle strade inglesi, con alcune novità rispetto a Innsbruck 2018: assenti le cronosquadre, debutta la cronosquadra mista per nazioni, in programma il 22 settembre, dopo la prima giornata riservata al paraciclismo.

Gran finale, come sempre, con la prova in linea élite maschile, in calendario domenica 29 settembre: 285 km da Leeds a Harrogate con gli uomini da classiche e i velocisti resistenti che, sulla carta, dovrebbero farla da padroni.

Rispetto alla prova in Austria di un anno fa, vinta da Alejandro Valverde, il percorso appare meno ostico: le salite più dure sono concentrate nella prima parte tra Cray, Butterbubs e Grintor Moor. Da non sottovalutare il circuito di Harrogate, che i corridori dovranno affrontare 7 volte: qui c’è uno strappo che potrebbe fare selezione, consentendo anche ad alcuni velocisti non puri di giocarsi le proprie carte.

Quote Mondiali di ciclismo, prova élite maschile

Vediamo allora chi sono i favoriti alla vigilia per la prova in linea élite maschile.

In pole position, a quota 3.00 c’è l’eclettico Mathieu van der Poel, che sta vivendo un 2019 davvero magico: dopo i sigilli all’Amstel Gold Race, alla Freccia del Brabante e all’Attraverso le Fiandre, il ventiquattrenne ciclista olandese è tornato, infatti, a vincere anche in mountain bike, conquistando lo scorso luglio la medaglia d'oro agli Europei di Brno. Lo stato di forma è al top, come confermato dall’ottima prova al recente Giro di Gran Bretagna, il percorso adatto alle sue caratteristiche: sarà en plein?

A proposito di eclettismo, a quota 5.00 troviamo il pluri iridato Peter Sagan, primo ciclista nella storia a vincere 3 titoli iridati consecutivi (2015, 2016, 2017): il talentuoso corridore slovacco, dopo il passaggio a vuoto dell’anno scorso, complice un circuito non adatto alle sue caratteristiche, e una stagione 2019 finora dal sapore agrodolce, vuole rifarsi e tornare sul tetto del mondo.

Segue, a 6.50, Julian Alaphilippe, punta di diamante e capitano della spedizione francese: il Moschettiere è temibilissimo nelle gare di 1 giorno, come testimoniato dalla vittoria all’ultima Milano-Sanremo, e in questo 2019 è riuscito a conquistare anche 2 tappe al Tour de France, portandosi a casa pure il Premio della combattività.

Più distanti tutti gli altri: i primi, a quota 20.00, sono l’australiano Michael Matthews, argento nel 2015 e bronzo nel 2017, e il nostro Matteo Trentin, splendido protagonista al recente Giro di Gran Bretagna. Il trentino, 4° nel 2017 e campione europeo l’anno dopo, è il capitano di una nazionale italiana che vuole tornare sul gradino più alto del podio dopo 11 anni: l’ultima vittoria risale, infatti, al 2008, quando a trionfare, fu Alessandro Ballan, dopo la doppietta di Paolo Bettini nel 2007 e 2006.

Paga 25.00 volte la posta un successo sul traguardo inglese di uno tra il polacco Michal Kwiatkowki, il belga Philippe Gilbert, vincitore nel 2012, e il connazionale campione olimpico Greg Van Avemaet: il Belgio, con 26 ori, guida la classifica delle nazioni più medagliate nella prova maschile iridata in linea.

Scorrendo le quote, a 35.00 troviamo un plotone di inseguitori in cui figurano, tra gli altri, il campione in carica, lo spagnolo Alejandro Valverde, il padrone di casa Simon Yates e il trio italiano formato dal campione europeo Elia Viviani, da Sonny Colbrelli e dal campione italiano Davide Formolo.

A quota 50.00 vi sono il belga Oliver Naesen, il tedesco Maximilian Schachmann, l’australiano Caleb Ewan e il nostro Vincenzo Nibali, seguiti a 60.00 dal sudafricano Daryl Impey.

Vale, infine, 75.00 volte la vittoria nello Yorkshire di uno tra Adam Yates, Fernando Gaviria, Mike Teunissen, Simon Clarke e gli italiani Alberto Bettiol, vincitore del Giro delle Fiandre 2019, e Diego Ulissi, campione del mondo Juniores nel biennio 2006-2007.

Chi indosserà quest’anno la maglia iridata? Su Lottomatica.it potete seguire i Mondiali di ciclismo e scommettere con Better.

In Evidenza