26/02/2020

Gran Premio di MotoGP del Qatar: il Motomondiale 2020 riparte da Losail

Moto GP Qatar

Gas a martello e su il piedino: riparte da Losail, Qatar, il Motomondiale 2020, 1° tappa di un campionato che, come al solito, si preannuncia esaltante.

Le novità, d’altronde, non mancano: dai gran premi, che salgono a 20 (debutta la Finlandia), all’addio di Jorge Lorenzo trasformatosi in arrivederci, con il numero 99, che ha deciso di smettere con le gare dopo oltre 200 GP nella classe regina, ma è restato nel paddock come collaudatore Yamaha; dalle ambizioni della Reale Avintia Racing, la squadra satellite Ducati, che quest’anno può contare su una coppia di grande esperienza formata da Zarco e Rabat, al “tutto in famiglia” di casa Honda, con i due fratelli Marquez che, 1° volta nella storia della MotoGP, si divideranno il medesimo box.

Marquez alla prova del 9, Vale per il 10 e lode

Ripartiamo proprio da Marquez, inteso come Marc, per la nostra analisi sui protagonisti della MotoGP 2020: difficile, infatti, non indicare nel numero 93 il favorito per la vittoria, l’ennesima.

Lo spagnolo, fresco di rinnovo con Honda fino al 2024, è già nella storia del motociclismo: 8 titoli mondiali in bacheca e 6 nella classe regina a 26 anni e 231 giorni, il più giovane di sempre a centrare questi traguardi, battendo due mostri sacri come Mike “The Bike” Hailwood e Giacomo Agostini.

El Cabroncito è uno dei 3 piloti, assieme ad Agostini e Valentino Rossi, ad aver vinto 6 o più titoli mondiali in top class e il suo nome va ad aggiungersi a quelli di Ubbiali, Hailwood e Rossi (9), Angel Nieto (13) e Agostini (15) nella classifica dei piloti con almeno 8 titoli tra tutte le cilindrate.  

Velocità, guida sempre al limite, ma anche tanta costanza e un approccio alle gare più maturo: Marquez, che ha vinto 6 degli ultimi 7 mondiali di MotoGP, è reduce da un 2019 stellare, con 12 vittorie (e 6 secondi posti), 19 podi e 8 pole position, stabilendo il nuovo record di punti (420). Insomma, sarà ancora una volta lui l’avversario da battere.

Capitolo Valentino Rossi: come noto, per il 9 volte campione del mondo, sarà l’ultimo anno con la Yamaha del team factory. Al suo posto, dal 2021, Fabio Quartararo. Una decisione condivisa tra team e pilota, che potrebbe essere la molla in più per il Dottore per congedarsi (anche dal Motomondiale?) alla grande, centrando l’ambito 10° alloro. I test di Sepang fanno ben sperare, ma le incognite sono tante: dall’età (41 anni compiuti) a un trend che vede VR46 non vincere dal giugno 2017, ad Assen. Dopo il successo in Olanda, Rossi ha conquistato 9 podi, 2 l’anno scorso (Usa e Argentina). Chiudere con un Mondiale potrebbe essere il lieto fine di una favola bellissima.

Le Desmosperanze di Ducati al MotoGP del Qatar

Dopo 3 secondi posti consecutivi, Andrea Dovizioso punta a riportare la Ducati in vetta: la Rossa di Borgo Panigale ha vinto 3 volte l’anno scorso, 1 con Danilo Petrucci, 2 con il Dovi, unici successi, peraltro, non spagnoli (12 di Marquez e 2 a testa di Rins e Viñales). Si preannuncia una stagione importante e di svolta in casa Ducati: o arriva lo step decisivo per issarsi al vertice oppure sarà verosimilmente rivoluzione.

Da valutare c’è la crescita complessiva della moto, specie in termini di guidabilità e di vantaggio motore, perso nei confronti degli avversari, Honda in primis. Potrebbe essere l’ultima chance per il Dovi in rosso: il contratto del numero 4 scade a fine 2020.

Il 3°, anzi il Quartararo incomodo

Tornando alla Yamaha, occhio a Quartararo: nei primi test in Malesia le moto della casa dei tre diapason sono apparse veloci e solide, ed El Diablo è stato costantemente tra i primi. Difficile dire se il transalpino del team Petronas Yamaha Srt sarà l’anti Marquez già da questa stagione: sicuramente il numero 20, assieme a Viñales e Rins, è stato una delle sorprese del 2019 e punta a migliorare ulteriormente, proseguendo nella scalata alla vetta della classe regina, prima dell’upgrade a ufficiale.

Non mancano, dunque, i motivi d’interesse per seguire il Motomondiale: ancora pochi giorni e scatterà il semaforo verde. Se sei appassionato di motociclismo, non ti resta che seguire la MotoGP 2020 e restare sintonizzati su Lottomatica.it per aggiornamenti e curiosità dal mondo dei motori e dello sport.