20/11/2020

Premier League, Liga e Bundesliga: facciamo il punto della situazione

News Lottomatica Scommesse

Dopo la pausa per la nazionale, tra Nations League, qualificazioni ai Mondiali 2022 e alla Coppa d’Africa, tornano protagonisti i club. E, dall’Italia all’Inghilterra, dalla Spagna alla Germania, i copioni sembrano essere quest’anno in parte diversi da quelli delle precedenti stagioni. Facciamo il punto sulla situazione su Premier League, Liga spagnola e il campionato tedesco di Bundesliga.          

Premier League: Ancelotti frena, Guardiola a metà classifica, il Leicester va

Iniziamo il nostro viaggio dal campionato inglese. Dopo un inizio sfavillante, l’Everton di Carlo Ancelotti ha frenato bruscamente: 3 sconfitte e 1 pareggio nelle ultime 4 hanno rallentato la corsa dei Toffees, ora 7° in classifica. L’1-1 nel big match dell’ultimo turno tra Manchester City e Liverpool ha lasciato i Reds a un passo (-1) dalla vetta, inchiodando, di contro, il City a centro classifica, ma con una gara da recuperare. Dopo 8 turni, in testa, a quota 18 punti, c’è il Leicester, che ha vinto le ultime 3. Come il Tottenham di Mourinho, che insegue a -1. In classifica, bene Southampton e Chelsea, con la squadra di Lampard che ha messo in fila 6 risultati utili, ma è frenata dai pareggi. Menzione d’onore per l’Aston Villa: i Villans si stanno ritagliando un ruolo da ammazzagrandi e, dopo il roboante 7-2 al Liverpool, nell’ultimo turno è arrivato un 3-0 in trasferta ai danni dell’Arsenal. I Gunners, tra i favoriti per la conquista dell’Europa League, stando alle quote vincente, in campionato stanno deludendo: refrattari al segno X, sono 4 le vittorie e altrettante le sconfitte per gli uomini di Arteta. Peggio fa il Manchester United, con Solskjær sempre più sulla graticola e un 14° posto (con 1 gara in meno) in classifica. C’è tempo, per tutte, di recuperare e molto passerà dagli scontri diretti: il prossimo turno, sabato 21 novembre alle 18:30, propone Tottenham-Manchester City, ovvero Mourinho vs. Guardiola, dopo il trionfo roboante degli Spurs in Manchester United-Tottenham per 1 a 6. Domenica 22 alle 20:30 c’è Liverpool Leicester. 

Liga: regine (per il momento) spodestate, guidano Real Sociedad e Villareal

Tante sorprese in Spagna. In testa, dopo 9 giornate, c’è la Real Sociedad, avversaria del Napoli in Europa League: sono 20 i punti in classifica per i baschi, frutto di 6 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta. A -2 incalza il Villareal di Unai Emery, che ha pareggiato 1 match in più, mentre a -3 c’è l’Atlético Madrid. I Colchoneros hanno, però, giocato 2 gare in meno (le prime 2 di Liga contro Siviglia e Levante) e, vincendone almeno 1, sarebbero davanti. Nessuna sconfitta finora per gli uomini del Cholo Simeone, con 5 vittorie e 2 pareggi. Alla ripresa, sabato 21 novembre alle 21:00, c’è Atlético-Barcellona. Per i catalani è già, quasi, match da dentro o fuori. È stato alquanto deludente, infatti, l’avvio del nuovo Barça di Koeman, dopo l’umiliazione in coppa a opera dei vincitori della Champions League, il Bayern Monaco, e le tensioni estive con Messi. I blaugrana hanno finora raccolto 3 vittorie, 2 pareggi e altrettante sconfitte, che valgono un anonimo 8° posto in classifica a 11 punti. Anch’essi hanno, però, 2 gare da recuperare: vincendole, si riporterebbero in zone decisamente più nobili. E il Real? La squadra di Zidane, campione in carica, è 4ª a 16 punti, con 1 gara da recuperare. Nulla di compromesso, ma i madrileni in questo inizio di stagione sono apparsi tutt’altro che reali, con preoccupanti passaggi a vuoto sia in campionato, sia in Champions League.

Bundesliga: Bayern über alles, ma distanze ridotte in vetta. Mentre lo Schalke 04 sprofonda

Vira più sul classico la sceneggiatura della Bundesliga. Anche in Germania non sono, però, mancati snodi importanti. Pronti, via e il Bayern Monaco rifila 8 gol al malcapitato Schalke 04. Sembra l’incipit del solito copione. Ma, appena una settimana più tardi, i bavaresi cadono con l’Hoffenheim, rinverdendo speranze di titolo delle avversarie. È stato, tuttavia, l’unico passo falso della squadra di Flick, che, dopo 7 giornate e un filotto di 5 successi consecutivi, si è riportata in testa, dov’è da ormai da 8 stagioni, con 18 punti. Il Bayern ha il miglior attacco del torneo (27 gol, 11 del solo Lewandowski), ma anche una difesa rivedibile (11 reti subite). Alle spalle dei Rossi di Monaco incalzano a -2 e -3 Lipsia e Borussia Dortmund, ovvero le 2 squadre sul podio nell’ultimo biennio. Entrambe hanno segnato 15 gol: i Tori Rossi, con appena 4 gol subiti, hanno la miglior difesa del campionato. Conteranno gli scontri diretti: e il Bayern qui ha ancora qualche malizia in più delle avversarie, come dimostra il 3-2 in trasferta ai danni del Dortmund nel Klassiker pre-sosta. Per il resto, bene Bayer Leverkusen e il sorprendente Union Berlino. Male lo Schalke 04: il Blu Reale è piuttosto stinto. I Minatori scavano sul fondo della classifica, a 3 punti, come il Köln, +2 sul Mainz ultimo. La squadra di Gelsenkirchen non vince da oltre 300 giorni: era il 17 gennaio 2020, pre Covid-19, quando lo Schalke s’imponeva 2-0 contro il Borussia M’Gladbach. Poi un lungo buio.

L’emergenza sanitaria, insomma, ha privato gli stadi dei tifosi ma sembra aver sparigliato le carte nel mondo del pallone europeo, con gerarchie che vacillano, come sappiamo bene anche in Italia. Se sei appassionato di calcio, continua a seguire le nostre news. E su Better trovi le quote aggiornate e le analisi degli esperti per scommettere sui tornei top d’Europa e non solo.