02/02/2022

Rugby: tutto quello che c'è da sapere sul Sei Nazioni 2022

News Lottomatica Scommesse

Quando si dice: una giornata densa. Sabato 5 febbraio 2022 ce n’è davvero per tutti i gusti tra derby di Milano in Serie A, la finale del Festival di Sanremo e i primi calci d’invio del Sei Nazioni 2022 di rugby. Ci concentriamo proprio sulla palla ovale per scoprire numeri, curiosità e favoriti del prestigioso torneo che ancora una volta vedrà protagoniste Inghilterra, Francia, Irlanda, Italia, Scozia e Galles.

Sei Nazioni 2022: le date  

Il Sei Nazioni 2022 di rugby è l’edizione numero 23 del torneo in questa veste, da quando nel 2000, con l’ingresso dell’Italia, è passato da 5 a 6 selezioni partecipanti. Si parte con l’Irlanda che ospita i campioni in carica del Galles e l’Inghilterra che fa visita alla Scozia. Domenica 6 febbraio 2022 debutta, invece, l’Italia, attesa dalla Francia a Parigi. Questo il resto del programma:    

  • Round 2, 12-13 febbraio 2022
    Galles-Scozia, Francia-Irlanda e Italia-Inghilterra
  • Round 3, 26-27 febbraio 2022
    Scozia-Francia, Inghilterra-Galles, Irlanda-Italia
  • Round 4, 11-12 marzo 2022
    Galles-Francia, Italia-Scozia, Inghilterra-Irlanda
  • Round 5, 19 marzo 2022
    Galles-Italia, Irlanda-Scozia, Francia-Inghilterra

Favoriti e possibili sorprese del Six Nations Rugby

Prima di concentrarci su numeri e curiosità dell’edizione 2022 del 6 Nazioni, diamo un’occhiata a favoriti e possibili sorprese sul fronte scommesse sul rugby per la conquista del più importante torneo internazionale  15 dell'emisfero Nord.

In pole, in base alle quote vincente Better, parte la Francia, il cui successo è dato a 2.50. I Galletti inseguono la vittoria numero 26 nel torneo, per chiudere una lunga astinenza che dura da oltre un decennio. Non sarà, però, facile tra infortuni (Cameron Woki e Uini Atonio) e positività al Covid-19.   

È quotato 3.50, invece, il trionfo dell’Inghilterra. I vicecampioni del mondo dovranno, tuttavia, fare a meno per tutto il torneo del loro capitano, il trequarti Owen Farrell, per un guaio alla caviglia. Un’assenza di peso che si aggiunge a quelle di May e Lawes.

Potrebbe approfittarne l’Irlanda, le cui chance di vittoria sono date a 4.00. Gli Shamrocks XV, campioni per l’ultima volta nel 2018, sono tra le formazioni più attese. Ciò in virtù di quanto di buono fatto vedere lo scorso novembre alle Autumn Nations Series, con lo “scalpo” prestigioso degli All Blacks.

Più staccate le altre, in chiave vincente, con il Galles (10.00), campione in carica, che ha più chance alla vigilia rispetto alla Scozia (11.00).

Focus Italia: Azzurri in campo per riscattarsi

E l’Italia, ti chiederai? Potremmo definire utopiche le possibilità che a vincere il 6 Nazioni 2022 sia l’Italrugby: il successo di capitan Lamaro e compagni è dato a 1.000.00 volte la posta. Del resto, per gli Azzurri parlano i numeri, piuttosto impietosi:         

  • al di là dello 0 nell’albo d’oro del torneo, unica tra le partecipanti, l’Italia non vince una partita dal 2018 (22-19 contro l’Irlanda). Poi sono arrivate 32 sconfitte di fila. Il successo casalingo manca, invece, dal 2015.
  • Nell’edizione 2021 gli Azzurri hanno chiuso con il record negativo di mete subite, ben 34.
  • L’Italia è “cucchiaio di legno” da 6 anni di fila.


Insomma, gli uomini del Ct Crowley devono tentare quest’anno di invertire la rotta. Il gruppo è giovane (6 gli esordienti): per vincere probabilmente ci vorrà del tempo, ma per dimostrare di meritare la presenza nel torneo ci si è già rimboccati le maniche.

Numeri, curiosità e statistiche sul 6 Nazioni

Prima di salutarci, ecco alcuni numeri e curiosità sul Sei Nazioni 2022 di rugby, che possono offrire spunti utili in chiave scommesse sul rugby. Sapevi, per esempio, che:

  • in vetta all’albo d’oro vi sono Galles (40 titoli) e Inghilterra (39). Gli inglesi sono, però, davanti di misura per numero di Grande Slam rispetto ai dragoni rossi: 13-12.
  • L’Inghilterra detiene il record di punti realizzati in una sola partita: 80, messi a segno nel 2001 nella sfida contro l’Italia. L’80-23 di quel match è anche il tabellino con lo scarto maggiore (57 punti) nella storia del torneo e quello con più punti realizzati in assoluto (ben 103).
  • A livello individuale, Jonny Wilkinson ha il record di punti in una singola edizione (89 nel 2001), il nostro Sergio Parisse quello di presenze nel torneo (69 tra il 2004 e il 2019).

Manca davvero poco al via del Sei Nazioni 2022 di rugby: per molti sarà uno dei più competitivi di sempre. Se la palla ovale è la tua passione, su Better trovi le quote aggiornate e un’ampia tipologia di scommesse sul rugby.