19/05/2022

Ultimo turno della Serie A 2021-22, la 38a giornata

Better News

Ultimo giro di valzer per la Serie A. Con la 38ª giornata, in programma tra venerdì 20 e domenica 22 maggio, si chiude il campionato 2021-22, tra i più frizzanti degli ultimi anni. Molto resta, infatti, ancora da decidere: dallo scudetto alla lotta salvezza fino agli ultimi slot europei. Facciamo allora il punto sul rush finale della massima serie.

Serie A al traguardo, il programma completo dell’ultimo turno: happy hour scudetto, salvezza in serata

Iniziamo dando un’occhiata al programma della 38ª e ultima giornata di Serie A. Si parte già venerdì 20 maggio 2022 con Torino-Roma, fischio d’inizio alle 20:45, anticipata per l’impegno dei giallorossi nella finale di Conference League.          

Questo il resto del tabellone:    

  • Genoa-Bologna, sabato 21 maggio 2022, 17:15
  • Atalanta-Empoli, sabato 21 maggio 2022, 20:45
  • Fiorentina-Juventus, sabato 21 maggio 2022, 20:45
  • Lazio-Hellas Verona, sabato 21 maggio 2022, 20:45
  • Spezia-Napoli, domenica 22 maggio 2022, 12:30
  • Inter-Sampdoria, domenica 22 maggio 2022, 18:00
  • Sassuolo-Milan, domenica 22 maggio 2022, 18:00
  • Salernitana-Udinese, domenica 22 maggio 2022, 21:00
  • Venezia-Cagliari, domenica 22 maggio 2022, 21:00

La lotta scudetto tra Milan-Inter si decide, dunque, all’ora dell’happy hour. In serata, invece, si saprà il nome della squadra che, assieme a Venezia e Genoa, retrocederà in Serie B.

Milan-Inter: derby in salsa meneghina per lo scudetto   

Saranno decisivi gli ultimi 90 minuti di campionato per decidere chi tra Milan e Inter si laureerà campione d’Italia 2022. Sapevi che:

  • è dal 2009-10, l’anno del triplete nerazzurro, che il campionato non si decide all’ultima giornata;
  • nell’era dei 3 punti, dal 1994-95, è la 7 volta che bisogna attendere l'ultimo turno per conoscere la prima posizione del nostro campionato.
  • il sorpasso all’ultima curva è avvenuto 2 volte: nel 2000, con la Lazio ad approfittare dello scivolone della Juventus nel diluvio di Perugia, e nel famoso 5 maggio 2002, con l’Inter superata da Juventus e Roma.

Ai rossoneri basta 1 punto per scippare il tricolore ai cugini: infatti, la squadra di Pioli è avanti negli scontri diretti (1-1 all’andata, vittoria per 2-1 in rimonta al ritorno), primo fattore dirimente in caso di arrivo a pari punti.

Milan, dunque, favorito per la conquista del titolo, dopo 11 anni di digiuno. Una conferma arriva dalle quote vincente Better, che danno il Milan scudettato a 1.10 contro il 7.50 attribuito all’Inter.           

Per il Diavolo sarebbe il 19° tricolore: in classifica raggiungerebbe proprio i cugini alle spalle della Juventus (36). A Milanello c’è un precedente che fa ben sperare: nel 1999 la squadra allora guidata da Zaccheroni vinse lo scudetto all’ultima giornata tenendo dietro la Lazio. Un trionfo reso possibile anche grazie a un filotto finale di 7 vittorie consecutive. Il Milan attuale è arrivato fin qui a quota 5 successi e 15 risultati utili consecutivi dopo il ko interno con polemica contro lo Spezia.

Salernitana e Cagliari si giocano la permanenza in Serie A

13 febbraio 2022. Quando Davide Nicola si accomoda sulla panchina della Salernitana al posto dell’esonerato Colantuono, i campani sono ultimi in classifica con appena 13 punti in 23 gare. Dati per spacciati e destinati a un pronto ritorno in Serie B, con peraltro accaduto nei due precedenti in massima serie. E invece…

E invece la Salernitana ha ingranato la quarta e stampato un ruolino di marcia impressionante, risalendo la china e guadagnandosi la possibilità di mantenere la categoria. I granata sono al momento quartultimi e devono difendere un vantaggio di 2 punti sul Cagliari. Così al momento in classifica:    

  • Salernitana, 31 punti
  • Cagliari, 29

Potrebbe, dunque, nuovamente riuscire il “miracolo” a Nicola, dopo l’impresa nel 2017 alla guida del Crotone. Per salvarsi, la Salernitana deve vincere. Come pure il Cagliari, impegnato nella trasferta di Venezia, che però deve anche sperare nella sconfitta o in un pareggio dei campani in casa contro l’Udinese.

Le due squadre sono, infatti, pari negli scontri diretti, sia per risultati sia per numero di gol: 1-1 in Sardegna a fine novembre, 1-1 all’Arechi la settimana scorsa. In caso di arrivo a pari punti, a decidere chi si salva sarebbe la differenza reti. Da questo punto di vista, meglio fin qui il Cagliari (34 gol segnati, 68 subiti); la Salernitana invece ha segnato 33 reti, subendone 74.

Serie A 2021-22, i verdetti già decisi e il “nodo Europa”

In testa e in coda tutto resta ancora da decidere, in un affascinante rush finale come non si vedeva da tempo. Qualche verdetto, però, la Serie A lo ha già emesso. In particolare:

  • Venezia e Genoa retrocesse in Serie B: i lagunari dopo appena 1 anno, i liguri a distanza di 15 anni dall’ultima volta;
  • Juventus e Napoli qualificate alla prossima Champions League, oltre naturalmente alle due milanesi.

Con il pari in extremis agguantato a Torino, poi, la Lazio si è riservata un posto in Europa League. A farle compagnia potrebbe essere la Roma, con la Fiorentina al momento ai preliminari di Conference League.        

I Viola di Italiano, che all’ultima ospitano la Juventus, hanno gli stessi punti (49) dell’Atalanta, impegnata in casa con l’Empoli: in caso di arrivo a pari punti, sarebbero davanti i toscani in virtù degli scontri diretti favorevoli.

Qualcosa, anche qui, potrebbe però ancora succedere. Se, infatti, la Roma dovesse vincere la Conference League e chiudere 8ª in campionato, aprirebbe uno slot in più all’Italia per la prossima campagna europea.
Insomma, un weekend intenso e tutto da vivere, anche qui su Lottomatica, con le quote aggiornate e le migliori scommesse, anche in modalità scommesse live. Non resta che accomodarsi e godersi l’ultima di campionato, carica come non mai di spunti.