16/12/2021

I giochi di carte di Natale: sette e mezzo, piatto e non solo

Sette e mezzo

I giochi di carte durante le feste natalizie sono, da sempre, uno dei migliori passatempi. Sette e mezzo, Piatto, il Mercante in fiera sono tra i giochi più famosi, ma insieme a questi vi sono anche l’Asino o il Gioco dell’Assassino. Vediamo, quindi, quali sono i giochi della tradizione e quelli che possono accompagnare meglio le giornate di festa in famiglia.

I giochi della tradizione: Mercante in Fiera, Sette e Mezzo e Piatto

I giochi di carte sono davvero molti e nel corso del tempo a quelle più classiche si sono affiancate versioni più moderne e dinamiche. Tra i veterani della tradizione però non possiamo non ricordare il Mercante in fiera risalente al 1500. Per partecipare sono necessari due mazzi da 40 carte e l’obiettivo è quello di rimanere con una sola, uguale ad una di quelle scoperte presenti sul tavolo a inizio partita.

Altri due giochi tra i più noti della tradizione sono il Sette e Mezzo e il Piatto. Il primo ha come obiettivo quello di avvicinare il più possibile il valore delle proprie carte al sette e mezzo, come si può intuire dal nome. Il secondo, forse meno noto ad alcuni e di origine siciliana, prevede che ciascun giocatore possa scegliere il valore della carta assegnata lui dal mazziere.

Carte napoletane: il gioco dell’Asino e l’Assassino

Tra i tanti giochi di carte tra i quali scegliere durante le festività non possiamo non ricordare il gioco dell’Asino - o Ciuccio - e l’Assassino. Questi prevedono l’utilizzo delle carte napoletane, ma presentano regole e scopi diversi.

Prima di procedere con l’inizio del gioco dell’Asino, infatti, è necessario eliminare tre cavalli dal mazzo e nascondere il quarto all’interno dello stesso. Lo svolgimento si basa sull’eliminazione di coppie di carte uguali, quindi, lo scopo è quello di non rimanere con una carta sola, ovvero il quarto cavallo inserito all’inizio nel mazzo dal mazziere.

Questa figura, il mazziere, la si ritrova anche nel gioco dell’Assassino. Le regole tradizionali del gioco prevedono che questi distribuisca ad ogni giocatore una carta coperta. Tra quelle consegnate è obbligatoria la presenza di alcune carte:

  • chi riceve il re di denari assume il ruolo del commissario;
  • l’asso di spade indica l’assassino;
  • tutte le altre carte sono per i civili.

Una volta stabiliti i ruoli, che è bene rimangano segreti, l’assassino ha il compito di eliminare gli altri giocatori facendo loro l’occhiolino. Mentre il ruolo del commissario è quello di identificare l’assassino osservando il comportamento di tutti i giocatori.

Dunque, per passare al meglio queste feste natalizie in compagnia, non resta che puntare su questi semplici e coinvolgenti giochi, adatti sia a qualunque tipo di giocatore dal più piccolo al più grande.