22/04/2021

Come si gioca a solitario con le carte da Scala 40

Il Solitario è uno dei più noti giochi di carte. Si tratta di un modo perfetto per intrattenersi ed esercitare le proprie capacità con le carte, anche quando non si è in compagnia. Proprio per questo, viene definito “solitario” qualsiasi gioco che è possibile svolgere da soli utilizzando le carte. Ma come si gioca con le carte da scala 40? Scopriamolo. 

Solitario con le carte francesi

Il solitario è un gioco nato per allontanarsi dalla competizione e consentire agli utenti di rilassarsi, in solitaria, con le carte. Tra le tante versioni che durante gli anni si sono diffuse, solo una è quella più praticata: il solitario con le carte francesi. Il gioco del solitario, infatti, prevede delle precise e dettagliate regole, per poter portare a compimento la partita.

Si comincia con il posizionare sul tavolo 7 colonne di carte, seguendo un dato ordine: la prima ha 1 sola carta, la seconda ne ha 2, la terza è composta da 3 e così fino ad arrivare alla settima con 7 carte. In ciascuna colonna solo l'ultima carta può essere scoperta, tutte le altre vanno posizionate con il numero e il seme coperto. Al di sopra delle colonne bisogna lasciare lo spazio per 4 posizioni vuote, le bassi. Queste diventano, poi, la base nella quale posizionare le carte utili a completare il solitario.
Al termine della disposizione per colonne, rimangono 24 carte in mano. Tale mazzo si definisce mazzo stock e viene usato solo nel caso in cui non sia possibile effettuare alcuna mossa con le carte già presenti sul tavolo. Lo scopo finale è, infatti, quello di occupare le 4 basi lasciate libere con carte dello stesso seme, poste in ordine crescente: da Asso a Re.
Il regolamento specifica anche quali sono le mosse consentite per terminare il gioco. Tra le carte scoperte sul banco si possono muovere solamente quelle con un valore appena minore e di colore diverso, rispetto a quella a cui verrà attaccata.

Varianti del solitario

È bene ricordare che del gioco del solitario non esiste una sola variante. Nel tempo, infatti, sono state numerose le modifiche apportate alla versione classica, dando vita a diverse alternative. Queste, spesso prevedono anche regole diverse, ma sono accomunate dal numero di giocatori previsti: sempre e solo uno.
Una variante molto diffusa è definita piramide. Prende il nome proprio dalla distribuzione assunta dalle carte sul tavolo, a forma, per l’appunto, di piramide. In tal caso, le regole non sono identiche a quelle della versione classica, ma si modificano per adattarsi alle esigenze. Dunque, non si abbinano le carte seguendo un ordine crescente, ma le mosse prevedono che la somma delle carte abbinate sia uguale a 10 o 13. Tale numero dipende da quale mazzo viene usato per la partita.
Altri nomi con il quale viene identificato il gioco del solitario sono: Klondike, Freecell o Lacune. In tal caso, si tratta di versioni ideate per utilizzare le carte napoletane. La differenza principale tra tutte le diverse versioni è la sola disposizione delle basi e del mazzo stock.
Scoperto come poter giocare con le carte da scala 40 e le regole principali di tale gioco, puoi provare a divertirti, mettere alla prova le tue capacità e creare nuove tecniche di gioco.