09/06/2022

Varianti del Burraco: cos'è il Tranca?

News Skill

Nato in Uruguay intorno agli anni ‘40, Burraco è uno dei giochi di carte più popolari in Italia, dove ha iniziato a diffondersi dagli anni ‘80. La sua lunga tradizione di gioco ha portato alla nascita di numerose varianti diverse, tra cui il Tranca. Vediamo come giocare a Tranca e in cosa si differenzia dalla versione tradizionale.

Le regole del Tranca

Tra le diverse varianti di Burraco, una delle più interessanti e coinvolgenti è quella del Tranca, particolarmente diffuso nei paesi dell’America Latina, soprattutto in quelli di lingua portoghese. Il Tranca prevede l'utilizzo di due mazzi di carte francesi, comprensive di pinelle e jolly, e viene giocato da 2 o 4 giocatori in coppia, ciascuno dei quali riceve dal mazziere 11 carte. Le carte rimanenti, invece, formano il mazzo da cui si pesca durante il gioco.

Lo scopo del gioco è quello di terminare le proprie carte e ottenere il punteggio più alto possibile secondo due strategie:

  • creando delle combinazioni tra carte dello stesso valore ma di seme diverso;
  • creando delle combinazioni tra carte in ordine sequenziale ma con lo stesso seme.

È anche possibile decidere prima dell’inizio della partita il punteggio da raggiungere. In questo caso, la partita non termina finché un giocatore non arriva a quel determinato risultato.

Le differenze con il Burraco “classico”

La variante del Tranca non si differenzia di molto dal gioco del Burraco più popolare, poiché la dinamica di gioco è pressoché la stessa. Vi sono comunque degli aspetti differenti che rendono questa specifica versione più lunga e complessa rispetto a quella tradizionale.

Una delle principali caratteristiche tra il Burraco classico e il Tranca è l’utilizzo dei 3. Nel Tranca, infatti, i 3 hanno un uso diverso in base al colore:

  • i 3 rossi vanno giocati subito, senza inserirli necessariamente in una combinazione;
  • i 3 neri vanno giocati da soli e vengono appoggiati sul monte degli scarti per bloccarlo, impedendo al giocatore successivo di poter prendere le carte che lo compongono

Nel Tranca, inoltre, non è obbligatorio prendere l’intero monte degli scarti, ma si può scegliere la carta che si vuole acquistare. Infine, dato il particolare utilizzo dei 3, si fa Tranca quando si ha una sequenza di carte dello stesso seme composta da 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, J, Q, K e A.